Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

La piazza del Campidoglio sorge sull'Asylum, la depressione situata tra l'Arx ed il "Capitolium", le due sommità del Campidoglio. Qui sorge uno dei monumenti più importanti della città, il "Tabularium", anche se anticamente l'ingresso avveniva dalla parte del Foro Romano. Quest'area, come un po' tutto il Campidoglio, dopo aver conosciuto gli splendori della Roma antica, fu progressivamente abbandonata alla fine del mondo antico, fino a ridursi nel Medioevo a pascolo di capre, motivo per il quale fu significativamente chiamato "Monte Caprino". Ma già dal XII secolo, quando il Tabularium fu scelto come sede del Comune, tutta l'area vide una lenta ripresa, anche se la definitiva rinascita avvenne nel XVI secolo, quando papa Paolo III Farnese, in occasione della visita a Roma dell'imperatore Carlo V, chiese a Michelangelo di preparare un progetto per sistemare la piazza: questi pensò di rinnovare le facciate del Palazzo Senatorio (corrispondente all'antico Tabularium) e del Palazzo dei Conservatori, di costruire un terzo edificio, il Palazzo Nuovo, così da formare una piazza di forma trapezoidale, abbellita da sculture classiche, e disegnò la pavimentazione. I lavori iniziarono nel 1546 ma andarono così a rilento che Michelangelo fece in tempo a sovrintendere soltanto alla doppia scalinata che porta all'ingresso del Palazzo Senatorio: la piazza fu completata nel XVII secolo, in modo fedele al progetto originario. La grande scalinata progettata da Michelangelo ma realizzata da Giacomo Della Porta che permette di accedere alla piazza, la cosiddetta "Cordonata", presenta alla base una coppia di leoni egizi di granito nero con venature rosse rinvenute nell'Iseo Campense (uno dei quali nella foto 1), mentre nella piazzetta adiacente era posto l'obelisco che fu poi donato a Ciriaco Mattei e che oggi è situato nella Villa Mattei. Salendo la scalinata incontriamo, nel giardino che la fiancheggia, il piccolo monumento in bronzo dedicato a Cola di Rienzo (nella foto 2), opera di Gaetano Masini, posto su una base composta da frammenti scultorei ed epigrafici vari realizzata dall'architetto Francesco Azzurri: l'inaugurazione avvenne il 20 settembre 1887. Al termine della Cordonata vi sono poste le colossali statue dei Dioscuri, Castore e Polluce (nella foto in alto sotto il titolo), rinvenute intorno alla metà del Cinquecento nella zona del Circo Flaminio, probabilmente in corrispondenza del Tempio dei Castori e qui collocate tra il 1585 ed il 1591. La balaustra è corredata dai cosiddetti "Trofei di Mario" (uno dei quali nella foto 3), due rilievi marmorei di età domiziana, rappresentanti trofei, rinvenuti nella Mostra dell'Acqua Giulia e qui trasferiti nel 1590. Accanto ai Trofei troviamo la statua di Costantino sulla destra e di suo figlio Costantino II sulla sinistra, rinvenute nelle Terme di Costantino, mentre alle estremità sono situate due colonne miliari della via Appia, quella del I miglio alla destra e del VII miglio alla sinistra. Arrivati alla piazza ci troviamo dinanzi il Palazzo Senatorio, alla sinistra il Palazzo Nuovo ed alla destra il Palazzo dei Conservatori, mentre al centro della piazza sorge la statua equestre di Marco Aurelio (nella foto 4), stupendo esempio di scultura imperiale. Originariamente la zampa del cavallo, che è levata in aria, poggiava sulla testa di una barbaro abbattuto e la statua era completamente dorata, come è stata riprodotta oggi dopo un lunghissimo restauro. A ciò è legata una profezia: quando tutto l'oro sarà riapparso, allora canterà la "civetta" (il ciuffo di peli tra le orecchie del cavallo) ed avrà inizio il Giudizio Universale. La statua si trovava, in origine, dove oggi è l'obelisco Lateranense, in piazza S.Giovanni in Laterano, perché lì sorgeva la villa di Domizia Lucilla, la madre di Marco Aurelio: la statua era posizionata su un basamento all'interno di un tempio dedicato a Vesta ed alle Vestali. Per secoli rimase lì, ritenuta da tutti una statua di Costantino il Grande, finché Sisto IV la fece restaurare nel XV secolo e Michelangelo, nel 1538, la volle, con felice intuito, al centro della piazza capitolina. Altrettanto importante è il basamento, proveniente dal Tempio dei Castori e modellato direttamente dal grande Michelangelo. Il Palazzo Senatorio (nella foto 5), così chiamato perché qui espletava le sue funzioni il Senatore, una specie di sindaco nominato a vita tra i patrizi romani, è oggi la sede ufficiale del Comune di Roma. La facciata fu eretta dal 1582 al 1605, su progetto di Michelangelo ma realizzata da Giacomo Della Porta e Girolamo Rainaldi: fu in questa occasione che la facciata venne rivolta nella posizione attuale, perché un tempo guardava verso il Foro Romano. La facciata è ripartita da lesene corinzie lungo tutto il primo ed il secondo piano; il portale centrale, che immette nell'Aula Senatoria sovrastata dalla lapide in lode di Clemente VII, è raggiungibile tramite una scala a doppia rampa in travertino, con la fronte ornata da una nicchia centrale in cui è posta la dea Roma, originariamente una statua di Minerva in porfido e marmo del I secolo d.C., ai lati della quale sono situate le due statue del Tevere a destra e del Nilo a sinistra, ambedue provenienti dalle Terme di Costantino: la statua del Tevere rappresentava in realtà il Tigri, con tanto di tigre sottrattale e sostituita con la lupa capitolina e con altri attributi del dio Tiberino. Sotto la dea Roma è sistemata una fontana, costituita da due vasche sovrapposte, opera cinquecentesca di Matteo da Castello. Due avancorpi laterali movimentano la facciata, ornata da finestre a timpani curvi e triangolari alternate al primo piano, quadrate incorniciate al secondo e sovrastata da una balaustra con statue. Domina la piazza l'antica torre campanaria, restaurata da Martino Longhi il Vecchio intorno al 1580. La storica campana, detta dai romani "Patarina", fu presa in guerra dai Romani ai Viterbesi nel 1200 ed annunciava eventi storici o circostanze importanti, come l'elezione del pontefice, la sua incoronazione o morte, il passaggio del corteo papale o, come ricorda lo storico Pietrangeli, la morte del "Gran Turco", avvenuta il 2 giugno 1481. Quella attuale nulla ha a che vedere con la storica Patarina: essa è soltanto la seconda erede, dopo quella posta in loco sul finire del Cinquecento (poi fusa da Pier Francesco Censori, capo dei bombardieri di Castel S.Angelo) e risale all'inizio dell'Ottocento. A metà altezza vi è un orologio ed alla sommità una croce rivestita da lamine dorate. Le sale interne custodiscono cimeli, reperti archeologici, oggetti e memorie della Roma pagana e cristiana: la Sala Rossa conserva dipinti cinquecenteschi di Francesco Bassano, la Gialla il celebre arazzo del Seicento, la Verde l'Aurora di Pietro da Cortona ed una copia di un quadro del Tiziano. Il Palazzo dei Conservatori (nella foto 6, così chiamato dai Conservatori del popolo romano, che costituivano, insieme al Senatore, la suprema magistratura della città) venne realizzato, a partire dal 1563, da Giacomo Della Porta sulla base dei progetti di Michelangelo, modificando un preesistente edificio medioevale, già sede delle corporazioni professionali delle arti e dei mestieri. Nell'edificio trovò posto sin dalle origini la più antica raccolta d'arte pubblica di Roma, nata nel 1471 con le donazioni fatte da Sisto IV al popolo; in seguito vi affluirono sculture etrusche e romane, ma la raccolta si arricchì notevolmente nella metà del Cinquecento con le opere rimosse dal Vaticano per volere di Pio V perchè raffiguranti divinità pagane. Nel 1748 vi fu collocata, al secondo piano, la Pinacoteca, posta nella nuova ala creata da Ferdinando Fuga. Nel 1876 il palazzo divenne museo ma le stanze dell'appartamento vero e proprio dei Conservatori furono usate dal Comune come sale di rappresentanza. La facciata è caratterizzata dalle gigantesche paraste, presenti anche sul prospetto dei Palazzi Senatorio e Nuovo, e dal coronamento con balaustra e statue; al pianterreno un porticato con colonne architravate affiancate da pilastri conservava, dal 1473 fino alla sistemazione michelangiolesca della piazza, la statua bronzea della Lupa capitolina. Fino a poco tempo fa la scultura (nella foto 7) era considerata un oggetto di produzione etrusca, risalente ai primi decenni del V secolo a.C. La lesione alle zampe posteriori (come ancora si può notare) veniva attribuita ad un fulmine, fatto questo che voleva identificarla con la statua bronzea raffigurante Romolo allattato dalla lupa parimenti folgorata nel 65 a.C. sul Tempio di Giove Massimo dove era conservata. Nella tradizione romana tutte le statue colpite dai fulmini divenivano sacre e non più visibili: questo divenne il motivo, sempre secondo la tradizione, per cui la Lupa scomparve dalla vista per secoli, per riapparire soltanto nel Medioevo. La verità però sembra ben diversa, perché studi ed analisi recenti sostengono che la statua risalga direttamente al periodo medioevale, in un'epoca compresa tra l'XI ed il XII secolo d.C., mentre la lesione alle zampe altro non sarebbe che un difetto di fusione. Fatto inconfutabile è che nel periodo medioevale era situata all'esterno della Torre degli Annibaldi su una base di pietra sostenuta da grappe infisse nel muro: qui presiedeva alle esecuzioni dei condannati, come testimonia anche un disegno del 1438, che mostra, accanto alla statua, le mani mozze ed inchiodate alla torre dei ladri colpevoli di aver trafugato oggetti preziosi nella vicina basilica di S.Giovanni in Laterano. La statua fu donata nel 1471 da papa Sisto IV ai Conservatori, insieme a 10 fiorini d'oro per il suo trasferimento e per il rifacimento dei gemelli, seriamente danneggiati, poi ricostruiti da Antonio Pollaiolo. Nel 1586 fu posizionata su un piedistallo al centro della stanza della Lupa: quella sulla colonna onoraria all'imbocco di via di S.Pietro in Carcere (nella foto 8) infatti è soltanto una copia. Le sale del Palazzo dei Conservatori contengono opere d'arte immense, come la scultura dello "Spinario", un affascinante bronzo del I secolo d.C. raffigurante un giovanotto che cerca di rimuovere una spina dal piede; due oche di bronzo rinvenute negli Horti Sallustiani e donate da papa Benedetto XIII che le aveva acquistate, in ricordo delle oche che salvarono Roma; la testa di Costantino II proveniente dalla Basilica di Massenzio; la "Venere Esquilina", scultura del I secolo a.C., associata al culto di Iside; inoltre, quadri del Caravaggio, Guercino, Tintoretto, Veronese, Tiziano. Nella Sala degli Orazi e Curiazi vi è posta la "Statua in trono di Urbano VIII" del Bernini che scatenò, nel 1635, un putiferio: infatti era proibito elevare in Campidoglio statue raffiguranti persone viventi, ma in seguito ad una legge che abrogava tale divieto, fu decretata l'esecuzione della scultura del pontefice regnante. Ma il popolo non volle saperne e tanto fu il malcontento che la statua dovette essere trasportata in Campidoglio di notte e di nascosto ed affinché la cosa potesse essere digerita fu fatta una speciale distribuzione di pane e viveri. Il Palazzo Nuovo (nella foto 9), progettato da Michelangelo ma realizzato dal Vignola per volere di Clemente VIII Aldobrandini, fu completato nel 1655 da Girolamo e Carlo Rainaldi: qui precedentemente vi era soltanto un muro per contenere il terreno a ridosso della chiesa di S.Maria in Aracoeli. Nel 1734 divenne il primo museo pubblico al mondo per volere di papa Clemente XII Corsini. La facciata, ad un piano, è scandita da otto lesene, con capitelli corinzi, due delle quali fanno da cantonale: su di esse corre un ampio fascione con ricco cornicione. Il portico si apre tra coppie di colonne, dove si trovano lo stemma di Alessandro VII e due iscrizioni a ricordo, una del re Carlo Alberto e dello Statuto promulgato nel 1848, l'altra del 25° Anniversario del Risorgimento: da qui si accede al cortile, dove è situata la statua di Marforio. Il Palazzo ospita pregevolissime opere classiche, come il gruppo di statue bronzee donate da Sisto IV nel 1471 (delle quali faceva parte anche la Lupa), una collezione di statue egizie, 65 busti di imperatori romani, 79 busti di filosofi, poeti, matematici, medici, oratori. Al centro di una sala il "Galata morente", statua di un guerriero ferito in attesa della morte, copia romana di un originale greco del III secolo a.C; il famoso "Discobolo", una statua greca rappresentante un lanciatore di disco e modificata, nel XVIII secolo, dallo scultore francese Monnot che la trasformò in un guerriero ferito. Qui è conservata anche la statua del "Leone che sbrana un cavallo", in passato sulla scalinata del Palazzo Senatorio, sulla quale si appendevano le sentenze capitali e fungeva anche da berlina per debitori insolventi e commercianti disonesti.

 

Nella sezione Roma nell'Arte vedi:
 Campidoglio di G.B.Falda
 Campidoglio G.B.Piranesi

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module