Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

La chiesa dei Ss.Cosma e Damiano fu costruita nel VI secolo da papa Felice IV all'interno di una delle due Biblioteche del Tempio della Pace e nella rotonda appartenente all'edificio conosciuto come Tempio di Romolo, a lui donati da Amalasunta, 1  Rotonda con funzione di atriofiglia di Teodorico, affinché vi costruisse una chiesa. Il pontefice dedicò la chiesa ai Ss.Cosma e Damiano, i due medici che subirono il martirio nel 303, e per questo motivo è conosciuta anche come "Basilica beati Felicis". La chiesa fu ampliata sotto Sergio I (695) ed Adriano I (772) svolgendo la funzione di centro di accoglienza per indigenti finché, nel 1512, venne affidata dal cardinale Alessandro Farnese ai Francescani del Terzo Ordine Regolare di S.Francesco, i quali effettuarono una serie di restauri e di ampliamenti. Ma fu nel 1632, sotto Urbano VIII, che la chiesa fu totalmente rinnovata su disegno dell'architetto camerale Luigi Arrigucci, il quale decise, a causa del carattere malsano ed acquitrinoso in cui versava il Foro Romano, di rialzare il pavimento di ben 7 metri, creando così una chiesa inferiore ed una superiore. I Francescani, nello stesso periodo, commissionarono ad Orazio Torriani l'edificio conventuale che si sviluppa sulla destra della chiesa. Originariamente l'accesso, quindi, avveniva dalla "Via Sacra", attraverso il bellissimo portale del Tempio di Romolo: una vetrata, situata all'interno della chiesa, permette tuttora di ammirare la rotonda (nella foto 1), posta all'interno della porta bronzea, che aveva funzione di atrio. 2  Chiostro con fontanaL'ingresso attuale, invece, è posto su un lato della chiesa (nella foto in alto), su via dei Fori Imperiali, attraverso un atrio sul quale si affaccia un tratto della parete in blocchi in opera quadrata dell'antica "Biblioteca Pacis". Da qui si accede alla chiesa attraverso un lungo corridoio, già parte del chiostro francescano edificato dall'Arrigucci e decorato dagli affreschi di Francesco Allegrini rappresentanti "Storie di S.Francesco e del beato Lucchese"; il chiostro (nella foto 2), a pianta rettangolare con sei arcate nei lati lunghi e tre nei lati corti, tutte rette da pilastri, presenta al centro una caratteristica fontana a tre invasi. Questa è costituita da una vasca di forma quadrata, poco elevata da terra e con gli angoli arrotondati, al centro della quale sorge un sostegno cilindrico, parzialmente scanalato, che sostiene due vasche in marmo concentriche circolari. La vasca esterna, quella inferiore, presenta il bordo animato da varie sporgenze con volti grotteschi e teste di leone; dalla vasca superiore si eleva un breve zampillo. L'interno della chiesa (nella foto 3), a navata unica, presenta un bellissimo soffitto a cassettoni dipinto e dorato con lo stemma di Urbano VIII Barberini (tre api dorate su fondo azzurro) e con la Gloria dei 3  InternoSanti titolari. L'altare del presbiterio è ornato con una "Madonna con Bambino" dipinta su tavola da un anonimo romano del XIII secolo, mentre l'abside conserva notevoli mosaici: sull'arco trionfale l'Agnello pasquale fra i sette candelabri, angeli e simboli degli evangelisti e nel catino "Gesù fra i Santi Pietro, Paolo, Cosma e Damiano e Felice IV che presenta il modello della chiesa". Nel vestibolo inoltre si trova un magnifico Presepe napoletano del XVIII secolo, donato alla chiesa nel 1939 da un cittadino di origine napoletana, Cataldo Perricelli: derubati alcuni suoi elementi nel 1988, l'opera, restaurata e integrata da Giulio Strauss, è tornata ad essere esposta nel 1994.

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module