Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

Il toponimo di vicolo del Leonetto (nella foto sopra) deriva da una scultura marmorea raffigurante una piccola testa di leone (posiziona il mouse sulla foto sopra), murata all'angolo dell'edificio al civico 24. La casa situata in vicolo del Leonetto 2 (nella foto sopra sullo sfondo) è in genere identificata con la locanda dello spagnolo casa monserratiMonserrati, ricordata dallo scrittore francese Michel de Montaigne nel suo "Journal de Voyage en Italie", dove vi soggiornò dal 2 dicembre 1580 al 19 aprile 1581. Costruito probabilmente ai primi del Cinquecento da Baldassarre Peruzzi, l'edificio si affaccia sul vicolo con un bel portale bugnato sormontato da una testa romana di medusa (nella foto 1) e dalla scritta "DOMUS B M MONTIS SERRATI DE URBE". Ai lati vi sono finestrelle e porte di negozi. La facciata su via di Monte Brianzo fu trasformata nell'Ottocento ed anche su questa strada prospetta un elegante portale bugnato, tra finestrelle, porte di negozi ed un'altra targa con la stessa scritta "DOMUS B M MONTIS SERRATI DE URBE". L'edificio, la sopraelevazione del quale risale al Novecento, appartiene alla Confraternita di S.Maria di Monserrato ed è in parte adibito ad abitazione condominiale ed in parte a sede diplomatica dell'Ambasciata di Spagna presso lo Stato Italiano, Sezione del Ministero del Lavoro e dell'Emigrazione.

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module