Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

Piazza Colonna (nella foto sopra) prende il nome dalla presenza della colonna eretta dal Senato e dal Popolo Romano in onore di Marco Aurelio dopo la sua morte 1  Colonna di Marco Aurelioavvenuta nel 180 d.C. e prima del 193, come risulta da un'iscrizione. La colonna (nella foto 1), tuttora al suo posto, un tempo sorgeva al centro di un complesso monumentale costituito dal "Tempio di Marco Aurelio" (al posto del quale oggi si trova palazzo Wedekind), edificato dal figlio e successore Commodo, dall'Ustrinum Antoninorum (edificio per la cremazione, sul quale sorge oggi palazzo Montecitorio), dal "portico Vipsanio" (dove si trovava il palazzo della Rinascente, oggi sede di una nota casa di moda) e da altri edifici, i cui resti furono trovati costruendo la "Galleria Colonna" (oggi denominata "Galleria Alberto Sordi"). La Colonna sorgeva ad un livello più basso dell'attuale di circa 4 metri, tuttora sepolti sotto il piano stradale, ma su una platea più alta di circa 3 metri rispetto al piano stradale della "via Lata"; l'altezza del fusto è di metri 29,60 (circa 100 piedi) per un'altezza totale odierna (compreso il basamento) di 41,9 metri. La colonna, di ordine dorico, non è monolitica, bensì composta da 28 rocchi di marmo "lunense" (di Carrara), posti uno sull'altro ed in seguito scolpiti con un fregio a rilievo (nella foto 2) che rievoca le guerre vittoriose di Marco Aurelio contro i Germani ed i Sarmati. A metà altezza una Vittoria divide le due campagne militari, la prima riferibile agli anni 172-173 e la seconda agli anni 174-175, ed illustrate con una serie di episodi che iniziano, dal basso, con il passaggio dell'esercito romano sul Danubio sopra un ponte di barche. All'interno si trova una scala a chiocciola di 203 gradini che sale, rischiarata da 56 feritoie, fino al terrazzino sopra il capitello dorico. In origine il basamento era decorato da rilievi che 2  Particolare della Colonna di Marco Aurelioraffiguravano, sul lato rivolto verso la "via Lata", la sottomissione dei barbari, mentre sugli altri tre lati si trovavano Vittorie con festoni; la sommità della colonna era ornata con la statua in bronzo dorato dell'imperatore, andata perduta nel Medioevo. Nel corso del radicale restauro di Domenico Fontana, avvenuto nel 1589 per volontà di papa Sisto V, sulla sommità fu collocata la statua di S.Paolo (nella foto 3), opera di Leonardo da Sarzana e di Tommaso Della Porta, mentre sul basamento fu apposta un'iscrizione che attribuisce, erroneamente, il monumento ad Antonino Pio, perché in passato si riteneva che questa fosse la Colonna Antonina. La fontana (nella foto 4) che si trova vicino alla Colonna è alimentata dall'Acqua Vergine: papa Gregorio XIII incaricò Giacomo Della Porta di disegnare la fontana. L'architetto pensò originariamente di costruirla accanto alla Colonna e di utilizzare come ornamento la scultura antica di Marforio, oggi conservata in Campidoglio. In realtà, poi, la fontana fu messa ad una certa distanza dalla colonna e fu ornata con quattro piccole cuspidi da cui l'acqua sgorgava e ricadeva in un elegante bacino a due tazze. Nella prima metà dell'Ottocento questi elementi, molto deteriorati, furono sostituiti dagli attuali gruppi con delfini e dal piccolo catino, scolpiti da Achille Stocchi. Come di consueto, vicino alla fontana 3  Statua di S.Paolofu costruito anche un abbeveratoio. La fontana è composta da una grande vasca in marmo di Chio, mentre all'esterno è decorata con sedici fasce verticali in marmo di Carrara che culminano in teste di leone. All'interno affiorano dall'acqua due gruppi di delfini con le code intrecciate, collocati entro una conchiglia aperta ed un catino centrale, sorretto da un balaustro, da cui zampilla l'acqua. Palazzo Wedekind (nella foto 5), come sopra menzionato, occupa l'area dell'antico Tempio di Marco Aurelio, ma la struttura originaria di questo edificio risale alla seconda metà del Seicento quando fu costruito su alcune case di proprietà dei Soderini, appositamente demolite. Alla fine del Seicento papa Innocenzo XII fece modificare l'architettura del palazzo donandolo all'Ospizio apostolico di S.Michele: al piano terra furono sistemati gli Uffici dei quattro notai della Camera apostolica e dell'Archivio Urbano, mentre al primo piano si insediarono gli uffici del Monsignore Viceregente del Vicariato di Roma. Tra il 1809 ed il 1814, durante l'Amministrazione francese, il palazzo ospitò la “Gran Guardia del Comando della Piazza di Roma”, ma al ritorno di Pio VII vi furono insediate la 4  FontanaComputisteria Camerale e la Direzione Generale delle Poste Pontificie, che prima si trovava a Palazzo Madama. Occorreva però adattare la struttura dell'edificio alla sua nuova funzione e così Gregorio XVI, ben 20 anni dopo, incaricò Pietro Camporese il Giovane: i lavori furono ultimati nel 1838. L'elemento più notevole del palazzo era costituito dal lungo portico di dodici colonne ioniche (nella foto 6), undici delle quali provenienti da un edificio di epoca augustea del Municipio romano di Veio, forse la Basilica. Sull'architrave fu posta una lunga iscrizione in latino che così recita: "GREGORIUS XVI PONTIF MAXIM ANNO MDCCCXXXVIII FRONTEM AEDIFICII EXORNANDUM PORTICUM VEIORUM COLUMNIS INSIGNEM ADSTRUENDAM CURAVIT", ossia "Gregorio XVI Pontefice Massimo nell'anno 1838 fece decorare la facciata dell'edificio aggiungendovi il Portico di Veio famoso per le sue colonne". Una dodicesima colonna di identica origine venne destinata da Pio IX, nel 1847, ad ornare la piazza davanti alla chiesa di S.Francesco a Ripa. Le quattro colonne che affiancano la porta l'ingresso sono di marmo venato e provengono dalla basilica di S.Paolo Fuori le Mura. Sopra il portico fu situata una terrazza e, in cima all'edificio, un'iscrizione 5  Palazzo Wedekindcommemorativa con due orologi ai lati. Le Poste rimasero in questo edificio fino al 1876, tranne un breve periodo, nel 1852, in cui passarono a Palazzo Madama. Quando le Poste furono trasferite a piazza S.Silvestro, questo palazzo fu venduto dallo Stato ed acquistato dal banchiere Wedekind che lo fece ristrutturare secondo i progetti dell'ingegnere Giovanni Gargiolli prima e dell'architetto Giovan Battista Giovenale poi. In tale occasione fu modificato anche l'attico, con l'eliminazione dell'iscrizione e dei due orologi, sostituiti da uno solo. Successivamente vi ebbe sede il Circolo Nazionale che si fuse poi con l'Associazione della Stampa: attualmente è sede del quotidiano "Il Tempo". Sull'altro lato della piazza sorge la Galleria Alberto Sordi (nella foto 7), come fu ribattezzata la ex Galleria Colonna dopo la morte del grande attore romano: l'edificio fu costruito sul luogo dove prima sorgeva Palazzo Piombino, costruito per i Giustini Veralli, poi ceduto agli Spada ed infine proprietà di don Ignazio Boncompagni Ludovisi, principe di Piombino. 6  Portico di palazzo WedekindIl palazzo fu demolito nel 1889 per ordine del Comune di Roma, senza un'idea, in verità, circa la sua futura sistemazione, se si pensò persino di portare qui la stazione centrale. Rimase tutto fermo fino al 1891 quando vi si costruì un Padiglione dell'Allegria per le feste di Carnevale di quell'anno. Nel 1904 il vuoto fu coperto da spalliere e piante, in occasione della visita ufficiale del Presidente della Repubblica francese Loubet. Nel 1911, in occasione dell'Esposizione, l'architetto Piacentini vi alzò un padiglione provvisorio. Alla fine prevalse l'idea della costruzione di una galleria, caratterizzata da una insolita pianta a Y: l'edificio venne inaugurato nel 1922 ed è opera di Dario Carbone. Preceduta da un porticato, ricalca in scala i modelli di Milano e di Napoli ed è sostanzialmente l'ingresso del palazzo del quale fa parte, proprietà prima della Banca Nazionale di Credito e poi dell'Istituto Romano di Beni Stabili. Con le spalle alla Galleria Alberto Sordi, la piazza è limitata a sinistra dal Palazzo Ferrajoli, eretto nel Cinquecento, rimodernato probabilmente da Giacomo Della Porta, rifatto nel Seicento da Francesco Peparelli e nuovamente ristrutturato nel secolo successivo. Tra i proprietari succedutisi nel tempo, ricordiamo i del Bufalo (tanto che la piazza fu anche chiamata "dei bufali"), i Niccolini e, nell'Ottocento, i marchesi Ferrajoli. Il 7  Galleria Alberto Sordicornicione del palazzo è sovrastato da una torre con lo stemma marchionale con corona, elemento che ricorre sopra la bella fontana che adorna il cortile, nella quale vi è la statua di Cerere su una base con protome leonina che getta acqua nella vasca. In alto vi è la scritta: "Aedium utilitati et ornamento", ossia "Ad utilità ed ornamento della casa". Adiacente al palazzo è la chiesa dei Ss.Bartolomeo e Alessandro dei Bergamaschi, come fu denominata dopo l'affidamento alla Confraternita dei Bergamaschi, ma è più nota con il nome che aveva precedentemente e che risulta anche dall'altorilievo che sovrasta il portale, ovvero S.Maria della Pietà (nella foto 8). In passato, la chiesa era annessa all'Ospedale dei Pazzarelli, 8  S.Maria della Pietàma quando questo si trasferì alla Lungara, la chiesa fu concessa ai Bergamaschi, che la riedificarono e trasformarono l'antico manicomio (il primo istituito a Roma) in ospedale per infermi della loro nazione. Completa la piazza, sul lato opposto, l'edificio del potere, sede della Presidenza del Consiglio dei Ministri: palazzo Chigi (nella foto 9). Costruito nel Cinquecento per Pietro Aldobrandini, che incaricò dei lavori Della Porta e Maderno, passò poi al cardinale Deti, al cardinale Albornoz ed ai Chigi alla fine del XVII secolo. Il palazzo spicca per la sua imponente grandezza, con forti bugnature ai lati, balcone ad angolo ed un altro sulla via del Corso: la porta-finestra di quest'ultimo ha il timpano spezzato perché vi era lo stemma di Alessandro VII, collocato poi nell'androne. Il vestibolo solenne immette nei solidi portici armoniosi, arrisi dalla fontana del 1740 con lo stemma dei Chigi ed un bel mascherone. Il palazzo, nella sua lunga storia, ha ospitato gli sposi Sigismondo Chigi e M.Flaminia Odescalchi, l'arciduca Massimiliano d'Asburgo, la sede 9  Palazzo Chigidell'Ambasciata d'Austria-Ungheria: quante dimostrazioni di patrioti si effettuarono davanti a questo palazzo! In questa piazza, il 30 ottobre 1866, fu effettuato il primo esperimento di pubblica illuminazione elettrica, anche se si dovette attendere il luglio del 1912 affinché fosse utilizzato questo tipo di illuminazione in modo definitivo.

 

 

> Vedi Cartoline di Roma

 

Nella sezione Roma nell'Arte vedi:
 Piazza Colonna di G.B.Falda
Colonna Antonina (in realtà Colonna Aureliana) di E.Du Pérac

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito รจ stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module