Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

 
Ammirare Roma dall'alto delle sue terrazze (Gianicolo, Parco degli Aranci, Pincio o altre ancora) è sicuramente uno spettacolo mozzafiato, un susseguirsi infinito di monumenti che puntano “verso l'alto”: palazzi, torri, logge, cupole e campanili si affrontano in una gara di altezza dove l'unico vincitore è colui che ne rimane estasiato. In questa pagina vogliamo soffermarci sui campanili, ovvero quelle costruzioni destinate ad ospitare le campane ed a diffonderne il suono il più lontano possibile. Il campanile è un'opera essenzialmente italica e probabilmente non anteriore all'VIII secolo. Se oggi ne ammiriamo principalmente l'eleganza, l'altezza o le decorazioni architettoniche non dobbiamo dimenticare che la funzione delle campane da essi custodite, oltre a chiamare i fedeli a raccolta o indicare da lontano il luogo di Dio, per secoli fu il mezzo più rapido e diffuso per comunicare eventi più o meno fausti: elezioni e morti di pontefici, pestilenze, chiamata alle armi per difendere la città in caso di invasione nemica o anche, più banalmente, segnare il passare delle ore con i loro rintocchi. Le torri campanarie di Roma (o torri civiche, se attigue ad un palazzo pubblico) costituiscono una testimonianza molto importante dell'architettura della città, anche se a volte erroneamente trascurate. Ad esempio, oggi è poco conosciuta ma Roma, in passato, era tradizionalmente molto legata alla sua Patarina, la celebre campana della torre che svetta sul Palazzo Senatorio e che fu tolta ai viterbesi nel corso del Medioevo: è per eccellenza la campana civica ed ancora oggi fa sentire la sua voce nelle occasioni laiche più solenni quale il Natale di Roma o l'elezione del sindaco. Come non rimanere affascinati dal campanile della chiesa di S.Benedetto in Piscinula, così minuto e al contempo così colmo di primati: è il campanile più piccolo di Roma e custodisce la campana più antica (datata 1069!) e più piccola (soltanto 45 cm di diametro). Il campanile più antico è invece quello della chiesa dei Ss.Quattro Coronati (nella foto in alto sotto il titolo, che risale al IX secolo), mentre il più alto è quello della basilica di S.Maria Maggiore (ben 75 metri).
Ecco a voi una galleria fotografica con alcuni dei campanili più belli di Roma: venite spesso a visitare questa pagina perché periodicamente aggiungeremo nuove fotografie.

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module