Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

Via Baccina prende il nome dalla famiglia Baccini che qui ebbe proprietà e collega via dei Serpenti a via di Tor de' Conti, come possiamo osservare nella foto sopra, con le colonne del Foro di Augusto sullo sfondo. Iniziamo la nostra visita proprio dall'incrocio di via Baccina con via di Tor de' Conti e notiamo subito sulla sinistra una delle tante "Madonnelle" sparse per la città, in questo caso un bellissimo affresco conosciuto come "Madonna dell'Arco dei Pantani" (nella foto 1), perchè un tempo situato proprio in prossimità del vicino Arco dei Pantani. L'affresco cinquecentesco, più volte restaurato, rappresenta la "Madonna col Bambino", entrambi incoronati. Fino ad inizio Novecento era al centro di una cornice lignea d'epoca barocca, inserita in un elegante tabernacolo di marmo protetto da un baldacchino, perduta dopo un restauro avvenuto negli anni Venti. Oggi l'immagine è riquadrata da listelli di marmo orizzontali bianchi e verticali neri. I cuori d'argento che si possono notare sotto il vetro lasciano intuire che la Madonna era molto venerata. È famosa per il miracolo dei gigli avvenuto alla fine del XVIII secolo: alcuni gigli secchi, nonostante il caldo sole estivo, rifiorirono e così rimasero per diverse settimane. Una piccola targa in marmo posta sotto l'Immagine dice: "Li devoti della B.ma Vergine del Buon Cuore l'anno MDCCCXXXVIII (1838)". Ma bellissima è l'epigrafe inferiore che così recita: "La Santità di N.S. Pio VI con indulto del dì XVIII (18) febbraio MDCCXCVI (1796) concede a tutti li fedeli dell'uno e dell'altro sesso indulgenza di duecento giorni applicabile ancora alle anime del Purgatorio ogni volta che divotamente e con il cuor almen contrito riciteranno le litanie della B.ma Vergine avanti questa sacra Immagine". Questa epigrafe ci fa comprendere che, secondo la tradizione, questa è una delle Sacre Immagini che nel 1796 mossero gli occhi e piansero a causa dell'invasione francese dello Stato Pontificio: le altre sono la Madonna Addolorata, la Madonna dell'Archetto, la Madonna della Provvidenza, la Madonna del Rosario e quella posta nella chiesa di S.Niccolò de' Prefetti. Proseguiamo la nostra visita ed al civico 32 troviamo la casa (nella foto 2) dove abitò Ettore Petrolini, il grande attore e commediografo romano, autore di satire e personaggi affini alla cultura futurista, nonché popolari e caricaturistici, come "Giggi er bullo", "er Sor Capanna", "Salamini", "Fortunello" e "Gastone". Una targa affissa sull'edificio così recita: "QUI ABITÒ ETTORE PETROLINI AUTORE E INTERPRETE INSUPERATO LEGÒ IL PROPRIO NOME A QUELLO DI ROMA CON INIMITABILE SPIRITO SATIRICO DEGNAMENTE RAPPRESENTANDO DA SOLO LA FOLLA ANONIMA CHE CREÒ PASQUINO NEL XIII ANNIVERSARIO DELLA MORTE XXIX GIUGNO MCMXLIX". Ad angolo con via dei Neofiti, al civico 58/A, è situato l'oratorio della Ss.Vergine Addolorata (nella foto 3), eretto nel XVI secolo come oratorio della parrocchia di S.Salvatore ai Monti al posto di un antico magazzino per il grano. Nel XVII secolo fu intitolato a S.Giovanni Battista ed annesso al Conservatorio delle Neofite; in seguito fu affidato all'Arciconfraternita dell'Addolorata e dedicato alla Ss.Vergine Addolorata: nel 1826, per iniziativa di tale Emanuele Marini, fu ricostruito in stile neoclassico con una facciata con pilastri dorici e timpano e la seguente epigrafe: "IN HONOREM B VERGINIS PERDOLENTIS", ossia "In onore della Beata Vergine Addolorata". Dopo l'unità d'Italia (1870) l'oratorio fu sconsacrato; dal 1976 è affidato al Comune di Roma.

 

> Vedi Cartoline di Roma

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module