Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

piazza del paradiso

Piazza del Paradiso (nella foto sopra) è situata tra piazza Pollarola e largo dei Chiavari e prende il nome da una delle più antiche locande medioevali di Roma, la "Locanda del Paradiso", in realtà costituita da due strutture attigue ma separate, chiamate "Il Paradiso piazza del paradiso2Grande" l'una ed "Il Paradiso Miccinello" o "Piccolo" l'altra. La proprietà più antica conosciuta risale al 1445, con un tal Pirrone proprietario della "Grande" e Francesco della "Piccola", fino al 1790 quando la locanda risulta declassata e della "Piccola" non si ha più menzione. L'edificio che ospitava le due locande (nella foto 1), ai civici 46 e 47, fino a pochi anni fa conservava ancora la scritta "ANTICA LOCANDA DEL PARADISO", mentre oggi, in seguito ad una ristrutturazione recente, nulla è più visibile. La piazza anticamente era denominata "della Berlina" perché qui si usava esporre i colpevoli di reati minori alla "berlina" (dalla parola germanica "bretling", ossia tavola), ovvero legati su un palco sopraelevato e sottoposti al pubblico scherno, spesso proclamando con cartelli appesi al collo la colpa commessa. Fu chiamata, per un certo periodo, anche "piazza dei Muratori", in quanto questi avevano scelto proprio questa piazza come luogo di raduno. Al civico 68 è situato l'Albergo della Lunetta (nella foto sotto il piazza del paradiso madonnellatitolo), un edificio risalente alla prima metà dell'Ottocento ma costruito sull'area dove precedentemente sorgeva un'altra antica locanda, che risaliva al Cinquecento, denominata "della Luna" e nel quale sarebbe stato installato il primo camino di Roma. Il palazzo sviluppa su due piani oltre l'ammezzato ed il pianterreno, in una netta divisione della facciata tra la parte inferiore a bugnato, dove apre il portale ad arco, nel quale è inserito un medaglione sacro, e la parte superiore liscia; sulla fascia marcapiano che divide le due parti si trova il nome dell'albergo ed un balconcino centrale. All'altezza del civico 64 si trova una bella Madonnella (nella foto 2) raffigurante la "Madonna con Bambino", realizzata ad olio su metallo con cornice in stucco a medaglione sorretto da un nastro, dal cui fiocco si dipartono nastri svolazzanti mentre due rami di fronde e gigli si incrociano in basso. L'opera, del XVIII secolo, è riparata da un baldacchino in metallo sormontato da un globo da cui si innalza una piccola croce. Molto bella l'antica tradizione secondo la quale un tempo qui dinanzi, durante la settimana di Natale, si radunavano pifferai e zampognari che rendevano omaggio alla "Madonnella" con le loro melodie mediante offerte pagate dai fedeli devoti. Al civico 18 troviamo un edificio settecentesco un tempo proprietà della chiesa di S.Lorenzo in Damaso, come piazza del paradiso portaleattesta tuttora la targa marmorea posta a lato del bellissimo portale (nella foto 3), con cornice marmorea e mensole che sorreggono il balconcino soprastante.

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module