Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

Ad angolo tra piazza Fiammetta e via degli Acquasparta è situata una casa quattrocentesca a due piani con altana e porticato antistante sorretto da colonne e pilastri: questa casa è tradizionalmente attribuita alla cortigiana fiorentina Fiammetta Michaelis, che svolse la sua professione a Roma nel XV secolo. Tra i suoi amanti vi fu Cesare Borgia, figlio di Alessandro VI e detto "il Valentino" perchè nominato dal re di Francia Luigi XII "duca di Valentinois": nel testamento da lei rilasciato ad un notaio il 19 febbraio 1512 (data della sua morte), nel quale è indicata come "Fiammetta del Duca di Valentino", lasciò in eredità al "fratello" Andrea, in realtà suo figlio, due case (questa e l'altra su via dei Coronari) ed una vigna con casino, situata presso la "porta Viridaria" in Vaticano, che le fu donata dal suo primo amante, l'umanista Giacomo Ammannati. Dopo vari passaggi di proprietà, alla fine dell'Ottocento la casa entrò in possesso della famiglia Bennicelli che, ai primi del Novecento, provvide a farla restaurare (fu in questa occasione che venne apposto lo stemma di famiglia tuttora presente sopra il porticato): l'edificio, seppure trasformato dalle semplici e gradevoli strutture originarie, conserva tuttora un fascino ed un alone di mistero e romanticismo che i tanti secoli trascorsi non sono ancora riusciti a cancellare.

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module