Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

LA CECALA D'OGGI

Una Cecala, che pijava er fresco
all'ombra der grispigno e de l'ortica,
pe' da' la cojonella a 'na Formica
cantò 'sto ritornello romanesco:
— Fiore de pane,
io me la godo, canto e sto benone,
e invece tu fatichi come un cane.
— Eh! da qui ar bel vedé ce corre poco:
— rispose la Formica —
nun t'hai da crede mica
ch'er sole scotti sempre come er foco!
Amomenti verrà la tramontana:
commare, stacce attenta... —
Quanno venne l'inverno
la Formica se chiuse ne la tana;
ma, ner sentì che la Cecala amica
seguitava a cantà tutta contenta,
uscì fòra e je disse: — Ancora canti?
ancora nu' la pianti?
— Io? — fece la Cecala — manco a dillo:
quer che facevo prima faccio adesso;
mó ciò l'amante: me mantiè quer Grillo
che 'sto giugno me stava sempre appresso.
Che dichi? l'onestà? Quanto sei cicia!
M'aricordo mi' nonna che diceva:
Chi lavora cià appena una camicia,
e sai chi ce n'ha due? Chi se la leva.


L'ACQUA, ER FOCO E L'ONORE

L'Acqua, er Foco e l'Onore
fecero er patto d'esse sempre amichi,
vicini ne la gioja e ner dolore
come s'usava ne li tempi antichi.
— Io ce sto: — disse l'Acqua — ma che famo
se quarchiduno de noi tre se perde?
Ce vonno li segnali de richiamo.
A me, me troverete ne li prati
pieni de verde e in più d'un'osteria
che vende er «vero vino de Frascati».
— Correte dove vanno li pompieri.
— je disse er Foco — Quella è casa mia. —
L'Onore chiese: — E a me chi m'aripija?
In società ce capito de rado;
pe' li caffè, lo stesso. Ormai nun vado
nemmanco ne le feste de famija.
È passata quell'epoca! D'altronne
me so' invecchiato e poco più m'impiccio
d'affari, de politica e de donne.
Ho inteso a di' che spesso
li mariti d'adesso
ammazzeno la moje a nome mio;
nun ve fate confonne: nun so' io!
E state attent'a quelli
che fanno li duelli...
— Oh! sai che nova c'è? — je disse er Foco —
Ner caso che te perdi, fa' un segnale:
se poi nun te trovamo è tale e quale,
ché in fin de conti servi a tanto poco!


ER PORCO E ER SOMARO

Una matina un povero Somaro,
ner vede un Porco amico annà ar macello,
sbottò in un pianto e disse: — Addio, fratello:
nun se vedremo più, nun c'è riparo!

— Bisogna esse filosofo, bisogna:
— je disse er Porco — via, nun fa' lo scemo,
che forse un giorno se ritroveremo
in quarche mortadella de Bologna!


ER SORCIO LOMBETTO

Un Sorcio bianco, pieno de coraggio,
stava studianno er modo
d'entrà ne la bottega d'un caciaro
pe' fasse una magnata de formaggio;
e siccome era secco come un chiodo
nu' j'ariuscì dificile er passaggio.
Smerlettò lo stracchino,
fece 'na grotta ar cacio pecorino,
allargò li bucetti a la groviera...
De tutto quer che c'era
vorse sentì er sapore:
s'ingozzò come un lupo, come un porco,
insomma fece un pranzo da signore.
Ècchete che la sera,
doppo d'avé magnato e rimagnato,
er Sorcio pensò bene de squajasse
da l'istessa fessura ch'era entrato.
Ma aveva voja a spigne e a intrufolasse:
ce capeva la testa, ammalappena.
— Mó sconterai la pena
d'avé fatto un'azzione disonesta.
— je disse un Sorcio, antico der locale —
Se voi riuscì de qui, caro collega,
bisogna che diventi come jeri,
secco, affamato, debbole com'eri
quanno ch'entrassi drento 'sta bottega...
— E allora — disse er Sorcio — nun me mòvo:
mica so' scemo! Già che me ce trovo
seguito a magnà qui: chi se ne frega?


ER SOLE E ER VENTO

Un giorno er Sole e er Vento
fecero la scommessa
a chi arzava la vesta a 'na regazza
che, propio in quer momento,
traversava 'na piazza.
— Io — disse er Sole — posso sta' tranquillo:
se per arzà la vesta
puro a 'na donna onesta
basta 'na purce o un grillo, è affare mio:
me la lavoro io! —
Ce provò du' o tre vorte: inutirmente;
la regazza faceva quarche strillo,
zompava un po', ma nun s'arzava gnente.
Tutto contento, er Vento,
prima de fa' la prova,
entrò in un Banco e fece volà via
una carta da cento.
Poi cominciò cór fischio da lontano,
e piano piano je se fece addosso;
ma la regazza, arinnicchiata ar muro,
s'areggeva la vesta co' le mano
e strigneva le gambe a più nun posso.
Però, quanno s'accorse der bjietto
che je volava propio su la testa,
agnede p'acchiappallo, arzò le braccia...
Allora er Vento la pijò de faccia,
se fece sotto e j'arzò su la vesta.
— Vedi e — dice — nun è che a noi ciamanchi
la forza a fa' li fochi o a fa' li venti:
è ch'oggiggiorno, in cert'esperimenti,
ce vonno li pappié da cento franchi!


ER SORCIO DE CITTÀ E ER SORCIO DE CAMPAGNA

Un Sorcio ricco de la capitale
invitò a pranzo un Sorcio de campagna.
— Vedrai che bel locale,
vedrai come se magna...
— je disse er Sorcio ricco — Sentirai!
Antro che le caciotte de montagna!
Pasticci dorci, gnocchi,
timballi fatti apposta,
un pranzo co' li fiocchi! una cuccagna! —
L'istessa sera, er Sorcio de campagna,
ner traversà le sale
intravidde 'na trappola anniscosta;
— Collega, — disse — cominciamo male:
nun ce sarà pericolo che poi...?
— Macché, nun c'è paura:
— j'arispose l'amico — qui da noi
ce l'hanno messe pe' cojonatura.
In campagna, capisco, nun se scappa,
ché se piji un pochetto de farina
ciai la tajola pronta che t'acchiappa;
ma qui, se rubbi, nun avrai rimproveri.
Le trappole so' fatte pe' li micchi:
ce vanno drento li sorcetti poveri,
mica ce vanno li sorcetti ricchi!


ER FUMO E LA NUVOLA

Un Fumo nero nero e fitto fitto,
ch'esciva da la cappa d'un cammino,
annava dritto, a sbuffi, verso er celo.
Tanto che per un pelo
sbatteva in una Nuvola abbottata;
una Nuvola bianca ch'era stata
assieme a le compagne
a fa' 'na pioggia de beneficenza
pe' tutte le campagne.
— Perché te metti su la strada mia?
— je disse er Fumo — Levete davanti!
Io so' fijo der Foco! Passa via!
— Sai, nun m'incanti! —j'arispose lei —
Fai male a di' 'ste cose propio a noi:
nun te fa' der paese che nun sei!
Conosco tanta gente
che se dà 'st'arie e poi
l'acchiappi, strigni, guardi, e nun c'è gnente...
Datte puro 'sto fumo, ma fai male
a racconta che venghi su dar foco:
perché tu sai benissimo ch'è un coco
che còce una braciola de majale.


L'ELEZZIONE DER PRESIDENTE

Un giorno tutti quanti l'animali
sottomessi ar lavoro
decisero d'elegge un Presidente
che je guardasse l'interessi loro.
C'era la Società de li Majali,
la Società der Toro,
er Circolo der Basto e de la Soma,
la Lega indipennente
fra li Somari residenti a Roma;
eppoi la Fratellanza
de li Gatti soriani, de li Cani,
de li Cavalli senza vetturini,
la Lega fra le Vacche, Bovi e affini...
Tutti pijorno parte a l'adunanza.
Un Somarello, che pe' l'ambizzione
de fasse elegge s'era messo addosso
la pelle d'un leone,
disse: — Bestie elettore, io so' commosso:
la civirtà, la libbertà, er progresso...
ecco er vero programma che ciò io,
ch'è l'istesso der popolo! Per cui
voterete compatti er nome mio. —
Defatti venne eletto propio lui.
Er Somaro, contento, fece un rajo,
e allora solo er popolo bestione
s'accorse de lo sbajo
d'avé pijato un ciuccio p'un leone!
— Miffarolo! — Imbrojone! — Buvattaro!
— Ho pijato possesso:
— disse allora er Somaro — e nu' la pianto
nemmanco se morite d'accidente.
Peggio pe' voi che me ciavete messo!
Silenzio! e rispettate er Presidente!


LA RANOCCHIA AMBIZZIOSA

Una Ranocchia aveva visto un Bove.
— Oh! — dice — quant'è grosso! quant'è bello!
S'io potesse gonfiamme come quello
me farebbe un bel largo in società...
Je la farò? chissà?
Basta... ce proverò. —
Sortì dar fosso e, a furia de fatica,
s'empì de vento come 'na vescica,
finché nun s'abbottò discretamente;
ma, ammalappena je rivenne in mente
quela ranocchia antica
che volle fa' lo stesso e ce schiattò,
disse: — Nun è possibbile ch'io possa
diventà come lui: ma che me frega?
A me m'abbasta d'esse la più grossa
fra tutte le ranocchie de la Lega...


EL LEONE RICONOSCENTE

Ner deserto dell'Africa, un Leone
che j'era entrato un ago drento ar piede,
chiamò un Tenente pe' l'operazzione.
— Bravo! —je disse doppo — Io t'aringrazzio:
vedrai che te sarò riconoscente
d'avemme libberato da 'sto strazzio;
qual'è er pensiere tuo? d'esse promosso?
Embè, s'io posso te darò 'na mano... —
E in quela notte istessa
mantenne la promessa
più mejo d'un cristiano;
ritornò dar Tenente e disse: — Amico,
la promozzione è certa, e te lo dico
perché me so' magnato er Capitano.


ER PORCO

Un vecchio Porco disse a certe Vacche:
— La vojo fa' finita
de fa' 'sta porca vita.
Me vojo mette er fracche,
le scarpe co' lo scrocchio,
un fiore, un vetro all'occhio,
e annammene in città,
indove c'è la gente più pulita
che bazzica la bona società. —
Fu un detto e un fatto, e quela sera istessa
agnede a pijà er tè da 'na contessa:
s'intrufolò framezzo a le signore,
disse quarche parola de francese,
sonò, cantò, ballò, fece l'amore.
Ma doppo du' o tre giorni
er vecchio Porco ritornò ar paese.
— Che? — fecero le Vacche — già ritorni?
Dunque la società poco te piace...
— No, — disse er Porco — so' minchionerie!
Io ce starebbe bene, me dispiace
che ce se fanno troppe porcherie...


ER BUFFONE

Anticamente, quanno li regnanti
ciaveveno er Buffone incaricato
de falli ride — come adesso cianno
li ministri de Stato,
che li fanno sta' seri, che li fanno —
puro el Leone, Re de la Foresta,
se mésse in testa de volé er Buffone.
Tutte le bestie agnedero ar concorso:
l'Orso je fece un ballo,
er Pappagallo spiferò un discorso,
e la Scimmia, la Pecora, er Cavallo...
Ogni animale, insomma, je faceva
tutto quer che poteva
pe' fallo ride e guadambiasse er posto;
però el Leone, tosto,
restava indiferente: nu' rideva.
Finché, scocciato, disse chiaramente:
— Lassamo annà: nun è pe' cattiveria,
ma l'omo solo è bono a fa' er buffone:
nojantri nun ciavemo vocazzione,
nojantri semo gente troppo seria!


LA CACCIA A LA VORPE

— Ma perché scappi via?
— disse un Toro a la Vorpe — Indove vai? —
La Vorpe j'arispose: — Nu' lo sai
che ciò de dietro l'aristocrazzia?
Nun sai che 'sta canaja,
ch'ogni tanto se dà l'appuntamento,
me viè appresso, m'acchiappa e poi me taja
la capoccia e la coda?
Guarda che bella moda!
che ber divertimento!
— Ma — fece er Toro —avressi da capilla
che a quelli je diverti perché scappi.
Se nun vôi che 'sta gente
propotente t'acchiappi,
nun te move, nun corre, sta' tranquilla. —
Ner mejo che parlaveno fra loro,
viddero un cavajere in fracche rosso
che invece de sartà 'na staccionata
fece un capolitombolo in un fosso.
La Vorpe disse piano:
— Accidenti! che straccio de cascata!
Dev'esse quarche principe romano!


LA VIOLETTA E LA FARFALLA

Una vorta, 'na Farfalla
mezza nera e mezza gialla,
se posò su la Viola
senza manco salutalla,
senza dije 'na parola.
La Viola, dispiacente
d'esse tanto trascurata,
je lo disse chiaramente:
— Quanto sei maleducata!
M'hai pijato gnente gnente
per un piede d'insalata?
Io so' er fiore più grazzioso,
più odoroso de 'sto monno,
so' ciumaca e nun ce poso,
so' carina e m'annisconno.
Nun m'importa de 'sta accanto
a l'ortica e a la cicoria:
nun me preme, io nun ciò boria:
so' modesta e me ne vanto!
Se so' fresca, per un sòrdo
vado in mano a le signore;
appassita, so' un ricordo;
secca, curo er raffreddore...
Prima o poi so' sempre quella,
sempre bella, sempre bona:
piacio all'ommini e a le donne,
a qualunque sia persona.
Tu, d'artronne, sei 'na bestia,
nun capischi certe cose... —
La Farfalla j'arispose:
— Accidenti, che modestia!


ER BIJETTO DA CENTO LIRE

Un Bijetto da Cento
diceva: — È più d'un mese
che giro 'sto paese,
sempre in funzione, sempre in movimento!
Comincianno da un vecchio, che una notte
me diede a 'na coccotte,
so' capitato in mano a un farmacista,
a un avvocato, a un giudice, a un fornaro,
a un prete e a un socialista.
Capisco ch'è 'na gran soddisfazione
d'annà in saccoccia a tutti: ommini e donne,
onesti e farabbutti; ma d'artronne
trovo curioso che l'istesso fojo,
che j'ha servito a fa' 'na bona azzione,
poi serva a fa' un imbrojo!
Mó, da quattr'ora, sto ner portafojo
d'una signora onesta:
ma indove finirò doppo de questa?
Chi lo sa? chi lo sa? Chi me possiede
me conserva, me stima,
me tiè da conto assai, ma nun me chiede
quer che facevo co' chi stavo prima.
E questo è naturale, capirai:
quanno se tratta de pijà quatrini
la provenienza nun se guarda mai!


ER PIPISTRELLO

La Lodola e er Fringuello,
ner vede un Pipistrello
più nero de l'inchiostro,
dissero: — Uh Dio che mostro!
Nun pare manco vero
che sia fratello nostro!
È brutto, sbrozzoloso,
cià l'ale come er diavolo...
— Nun me n'importa un cavolo!
— rispose er Pipistrello —
Lo so che so' cattivo,
lo so che nun so' bello:
ma, manco a dillo, vivo
libbero e più tranquillo
de qualunqu'artro ucello.
Io, come le coccotte,
nun sórto che la notte:
fo er solito giretto
verso l'avemmaria,
m'acchiappo quarche grillo,
m'intrufolo ner tetto,
magno, risòrto e via:
ecco la vita mia!
È mejo che nun ciabbia
er canto der Fringuello
che poi finisce in gabbia.
Dite: che ce guadagna
la Lodola minchiona
d'avé la carne bona?
Che l'omo se la magna.
Guardate un po' l'Ucello
de Paradiso? Quello
s'è fatto un certo nome:
ma voi sapete come
finisce malamente
cucito sur cappello!
Dunque co' che coraggio
volete ch'io sia bello?
Li preggi spesso fanno
più danno che vantaggio.
No, no: nun me ne curo...
È mejo a sta' anniscosto!
È mejo a sta' a l'oscuro!


LI CAPPELLI

Doppo una lontananza de quattr'anni,
li du' Cappelli s'ereno incontrati
vicino su lo stesso attaccapanni.
Come succede, vennero in discorso
de quanno figuraveno in vetrina
d'un cappellaro ar Corso.
— Eh! — dice — er caso, quante ne combina!
Chi avrebbe immagginato, doppo tanto,
de ritrovasse accanto?
Tu co' chi stai? — Co' Giggi er mozzorecchio.
E te? — Co' Totarello lo spezziale.
Come me trovi? — Sempre tale e quale:
fresco, pulito, bello... Un vero specchio.
Invece guarda a me, come so' vecchio:
brutto, sciupato... So' ridotto male!
Forse dipennerà ch'er mi' padrone
conosce tutti e, senza fa' eccezzione,
nun sta un minuto cór cappello in testa...
— Apposta io me conservo, grazziaddio:
perché conosce tanti pur'er mio,
ma nun saluta che la gente onesta.


L'OMO E ER SERPENTE

Un Omo che dormiva in mezzo a un prato
s'insognò che una donna tanto bella
l'aveva abbraccicato.
Naturarmente, l'Omo, ner vedella,
fece un gran sarto e se svejò: ma, invece
de trovà a quella, vidde ch'un Serpente
je s'era intorcinato intorno ar collo
a rischio de strozzallo come un pollo.
— Ah, sei tu? Meno male!
Me credevo de peggio! — disse l'Omo
mentre se storcinava l'animale.
Ma ciarimase tanto impressionato
che da quer giorno cominciò a confonne
li serpenti e le donne. Tant'è vero
che un'antra notte, mentre s'insognava
d'avé ar collo 'na vipera davero,
trovò la moje che l'abbraccicava.


LA PURCE

Una Purce sbafatora,
che ciaveva l'anemia,
pe' guarì 'sta malatia
succhiò er sangue a una Signora,
ch'a quer pizzico fu lesta
d'arzà subbito la vesta.
Dice: — Bella impertinenza
de venimme su le gamme!
Chi t'impara a pizzicamme?
Chi te dà 'sta confidenza?
Bada a te, brutta carogna,
se me capiti fra l’ogna... —
Ma la Purce impertinente,
che per esse più sicura
s'era messa a fa' la cura
da la parte de ponente,
ner sentisse di' 'ste cose
fece un zompo e j'arispose:
— Com'è mai che a un certo tale,
che te pizzica l'istesso
tanto forte e tanto spesso,
nun je strilli tale e quale?
Puro quello, a modo suo,
nun te succhia er sangue tuo?
Sai perché? Perché a 'sto monno,
speciarmente a le signore,
j'aritintica l'onore
solamente co' chi vònno... —
La Madama, a sentì questa,
calò subbito la vesta.


ER ROSPO E LA GALLINA

Un Rospo, ner sentì che 'na Gallina
cantava come un'anima addannata,
je domannò: — Ched'è che strilli tanto?
— Ho fatto un ovo fresco de giornata:
— rispose la Gallina — apposta canto.
— Fai male, — disse er Rospo — male assai!
Tu lavori pe' l'ommini, ma loro
come t'aricompenseno el lavoro?
Te tireranno er collo
com'hanno fatto ar pollo, lo vedrai.
Nun te fidà de 'sta canaja infame
che t'ha cotto er marito ne la pila
e un fijo ner tegame!
Nun te fidà de 'sta gentaccia ingrata
che te se pija l'ova che je dài
pe' facce la frittata!
Pianta 'sti sfruttatori e impara a vive!
Se loro vonno l'ova de giornata
nu' je da' retta: fajele stantive!

 

 


LA CARRIERA DER PORCO

Una vorta un Maiale d'ingegno,
che veniva da un sito lontano,
chiese aiuto a un Somaro italiano
de trovaje un impiego in città.
Er Somaro je disse: — M'impegno
volentieri de datte 'na mano
se me dichi per filo e per segno
qual'è l'arte che mejo sai fa'.
Vendi er vino? — Nun posso soffrillo,
me fa male sortanto a odorallo.
— Sei droghiere? — Nemmanco a pensallo!
So' nervoso e nun pijo caffè.
— Sei tenore? — Pe' gnente! Se strillo
me viè fòra la voce der gallo...
— Se è così torna a casa tranquillo
ché 'sti posti nun fanno pe' te.
— Io, però, — disse allora er Maiale —
faccio er porco, e de più ciò pe' moje
la più bella fra tutte le troje,
co' cert'occhi che fanno incantà.
L'ho sposata, ma è un nodo legale
ch'ogni tanto se lega e se scioje...
— S'è così — disse er Ciuccio nostrale —
resta qui, ché l'affare se fa.


L'OMO E LA SCIMMIA

L'Omo disse a la Scimmia:
— Sei brutta, dispettosa:
ma come sei ridicola!
ma quanto sei curiosa!
Quann'io te vedo, rido:
rido nun se sa quanto!...
La Scimmia disse: — Sfido!
T'arissomijo tanto!


L'ORTOLANO E ER DIAVOLO

C'era 'na vorta un povero Ortolano
che, se j'annava un pelo a l'incontrario,
dava de piccio a tutto er calennario,
metteva in ballo er paradiso sano;
Dio guardi! cominciava a biastimà:
— Corpo de...! sangue de...! mannaggia la...! —
Un giorno, mentre stava a tajà un cavolo
e che pe' sbajo tajò invece un broccolo,
come faceva sempre attaccò un moccolo:
però, 'sta vorta, scappò fòra er Diavolo
che l'agguantò da dove l'impiegati
cianno li pantaloni più lograti.
Ner sentisse per aria, straportato,
l'Ortolano diceva l'orazzione,
pregava le medesime persone
che poco prima aveva biastimato:
— Dio! Cristo santo! Vergine Maria!
M'ariccommanno a voi! Madonna mia! —
Er Diavolo, a sti' nomi, è naturale
che aprì la mano e lo lassò de botto:
l'Ortolano cascò, come un fagotto,
sopra un pajone senza fasse male.
— L'ho avuta bona! — disse ner cascà —
Corpo de...! sangue de...! mannaggia la...!


ER CANE E LA CAGNA

— Sei cambiata, Fifì mia:
— disse un Cane a 'na Cagnola —
prima annavi sempre sola,
mó vai sempre in compagnia.
Da che stai co' la Duchessa
che te porta in carettella.
Fifì mia, nun sei più quella,
te sei troppo compromessa!
Tenghi un cane pe' cantone
che te manca de rispetto:
mó un burdocche, mó un lupetto,
mó un bassotto, mó un barbone...
Prima, invece, eri più bona,
nun ciavevi tanta smagna...
— Eh, lo so! — disse la Cagna —
M'ha guastato la padrona!


ER GALLO E ER CANE

Prima che spunti er sole
la matina abbonora, quanno er celo
arissomija un tantinello ar mare,
quanno che l'aria pare
ch'odori de viole,
er Gallo arza la testa,
sgrulla la cresta e fa: chicchirichì.
Una matina, un Cane, ner sentì
l'aritornello solito, je disse:
— Zitto! che se er padrone te sentisse
te tirerebbe er collo! Nu' lo sai
ch'er mi' padrone è un omo ricco assai?
Nun ha bisogno mica
d'arzasse accusì presto, capirai:
è tanto stracco! È stato co' l'amica...
— Io — fece er Gallo — canto solamente
pe' svejà chi lavora, chi fatica,
chi se guadagna er pane onestamente.
Lo vedi er campagnolo,
er vignarolo, l'ortolano? Stanno
già in piedi e se ne vanno
tutti contenti a lavorà in campagna;
se questi qui nun s'arzeno, er padrone
co' tutti li quatrini mica magna!
Io canto espressamente, e Dio ne guardi
se 'sta povera gente
se svejasse più tardi!
— Ahó? nun me fa' tanto er socialista,
— je disse er Cane — intanto nun m'incanti:
nun m'hai da di' che canti cór pretesto
de svejà chi fatica e chi lavora;
piuttosto di' così: — Canto abbonora
perché la sera vado a letto presto!


LA MARGHERITA

Una bella Margherita
che fioriva in mezzo a un prato
fu acciaccata da un serpente,
da un serpente avvelenato.
— Se sapessi — disse er fiore —
tutto er male che me fai!
E er dolore che me dai
quanta gente lo risente!
Certamente nu' lo sai!
Ogni donna innammorata,
che vô legge la fortuna,
ner vedemme m'ariccoje
pe' decide da le foje,
che me strappa una per una,
s'è infelice o fortunata:
e vô vede se l'amore
se conserva sempre eguale,
e me chiede se l'amante
je vô bene o je vô male...
Io, pe' falla più felice,
pe' levalla da le pene,
fo der tutto che la foja
che je dice «Me vô bene»
sia quell'urtima che sfoja.
Dove c'è la Margherita
c'è er bon core e la speranza,
c'è la fede, c'è l'amore
ch'è er più bello de la vita... —
Ogni fiore a 'ste parole
rispettoso la guardò,
e perfino er Girasole
piantò er sole e s'inchinò.

agosto 1900


L'OMO

Prima che Adamo se magnasse er pomo,
er Cane, che sapeva er dietroscena
già preparato pe' fregà er prim'omo,
pensò: — Povero Adamo, me fa pena:
giacché purtroppo j'ho da fa' l'amico,
adesso je lo dico. —
E je lo disse: — Abbada a quer che fai!
Se magni er pomo perdi l'innocenza,
diventi un birbaccione e servirai
a fa' li studi su la delinquenza;
sta' attent'a li consiji der Serpente
che te vorebbe mette ne li guai... —
Adamo chiese: — E come vôi che faccia
a conservamme l'anima innocente
se Dio me fabbricò co' la mollaccia?
Eppoi, che ce guadambio? Nun c'è gusto
de campà tanto senza capì gnente,
con un cervello che nun vede giusto.
Io, ne convengo, faccio una pazzia
a commette er peccato origginale:
ma er giorno che conosco er bene e er male
me formo una coscenza tutta mia.
Sarò padrone e schiavo de me stesso,
bono e cattivo, giudice e accusato
e, a l'occasione, inteliggente o fesso.


ER PAVONE

Sur più bello che un'Aquila romana
tornava vittoriosa da 'na guerra,
je venne sete e s'accostò a la terra
pe' rinfrescasse er becco a 'na fontana.
Appena scese, un Gatto,
che faceva er fotografo, je chiese
se voleva posà per un ritratto:
e, manc'a dillo, l'Aquila accettò.
Saputo er fatto, er solito Pavone
disse fra sé: — Potrei,
giacché me se presenta l'occasione,
famme fotografà vicino a lei.
Così, se me chiedessero una prova
che so' stato pur'io fra la mitraja
sur campo de battaja,
è sempre un documento che me giova:
chissà che nun ce scappi la medaja... —
E, risoluto, je se fece avanti
a testa dritta e a coda spalancata,
gonfio, impettito, come tanti e tanti...
— No! — disse allora l'Aquila — Un momento!
Io nun ciò nessunissima arbaggia,
ma nun permetto che la gloria mia
vada a finì dedietro a un paravento.


ER BACILLO

Un Bacillo affamato,
pe' fa' conosce li malanni sui,
entrò drento la panza a un impiegato
più affamato de lui.
— Qua nun ce so' risorse:
— disse tra sé er Bacillo — è un brutto sito
pe' fa' la propaganda ner partito;
nun ciò core a ammazzallo! ah, no davero! —
E stava p'annà via, quanno s'accorse
che l'impiegato s'innestava un siero
inventato da un celebre dottore
che faceva furore.
— È 'na pietanza un po' pericolosa!
— fece er Bacillo — Forse è un po' imprudente:
ma armeno magneremo quarche cosa;
mejo questo che gnente! —
Doppo tre mesi, er povero impiegato,
pallido, secco secco, allampanato,
seguitanno a sta' male,
pijò 'na bótte e agnede a l'ospedale.
— Nun c'è gnente da fa'! — disse er dottore —
È tardi! Questo more! Nu' la scampa! —
Defatti l'ammalato, manco a dillo,
morì doppo mezz'ora; ma er Bacillo
s'ingrassò come un porco, e ancora campa!


LA CORTE DEL LEONE

El Leone, ch'è Re de la Foresta,
disse un giorno a la moje: — Come mai,
tu che sei tanto onesta,
hai fatto entrà 'na Vacca ne la Corte?
Belle scorte d'onore che te fai!
— Lo so, nun c'è decoro:
— je fece la Lionessa —
ma nun so' mica io che ce l'ho messa;
quela Vacca è la moje de quer Toro
ch'hai chiamato a guardà l'affari tui:
sopporto lei per un riguardo a lui;
ma si sapessi er danno
che ce fanno 'ste bestie, che ce fanno!
— Hai raggione, hai raggione, nun ce torna —
j'arispose er Leone; e er giorno istesso
fece 'na legge e proibbì l'ingresso
a tutti l'animali co' le corna.
Così, per esse certo
d'avé 'na Corte onesta,
er Re de la Foresta
lo sai che diventò? Re der Deserto.


LA PURCETTA ANARCHICA

Una Purcetta anarchica era entrata
drento ar castello d'un orloggio d'oro:
— Che ber lavoro! Quante belle cose!
E come fanno tutte 'ste rotelle
a annà così d'accordo fra de loro? —
La Rota più lograta j'arispose:
— Noi famo 'sto mestiere solamente
pe' fa' belle le sfere
che ce gireno intorno:
loro nun fanno un corno
e cianno li brillanti, mentre noi,
che faticamo, nun ciavemo gnente.
Voi che séte una bestia de coraggio,
voi che ciavete er sangue ne le vene,
buttateve framezzo a l'ingranaggio,
levatece un momento da 'ste pene... —
La Purce, ner sentisse fa' 'st'eloggio,
disse: — Va bene! Se la vita mia
pô cambià l'annamento de l'orloggio
moro acciaccata! Evviva l'anarchia! —
Ner dije 'ste parole, con un sarto
s'incastrò fra le rote e ce restò.
E fece male assai: ché er giorno appresso
la sfera granne annava addietro un quarto
ma le rote giraveno lo stesso!


ER MAESTRO DE MUSICA E LA MOSCA

Un celebre Maestro
era rimasto nun se sa si quanti
giorni dell'anno co' la penna in mano
e la carta de musica davanti
per aspettà che je venisse l'estro:
ma, spreme spreme, nun j'usciva gnente.
Ècchete che un ber giorno
una Mosca zozzona e impertinente
agnede franca franca
sopra la carta bianca,
e je ce fece tanti punti neri
come quelli che spesso avrete visto
ne le vetrine de li pasticceri.
— Chi sà — disse er Maestro — che 'sta Mosca,
che m'ha messo 'sti segni, nun conosca
le note de la musica? Chissà
che lei, senza volello, m'abbia fatto
er pezzo der prim'atto?
Questo è un do, questo è un re, si, si, la, fa... —
E du' o tre vorte lo provò ar pianforte.
Er motivo era bello, e da quer giorno,
quanno la Mosca je volava intorno,
nu' je faceva sciò, nu' la cacciava:
anzi, er più de le vorte, se ciaveva
er zucchero o er candito, je lo dava
pe' fasse fa' più punti che poteva.
Ma una matina, invece
de falli su la carta, je li fece
sopra a certe camice innammidate
portate allora da la stiratrice.
Che vôi sentì er Maestro! Era un ossesso!
— Brutta porca che sei! Brutta vassalla!
Chi t'ha imparato a fa' 'ste zozzerie
su le camice mie? —
E je coreva appresso p'acchiappalla.
La Mosca allora j'arispose male;
dice: — Vojantri séte tutti eguale:
ammazza ammazza, tutti d'una razza.
Nun fate caso a certe puzzonate
finché ve fanno commodo, ma quanno
capite che ve possino fa' danno,
diventate puliti, diventate!...
Io, invece de chiamalla pulizzia,
la chiamerebbe con un antro nome... —
Però la Mosca nu' je disse come:
fece quattro puntini e scappò via.


ER PORCO E ER BOVE

Un Porco se lagnava der padrone;
dice: — Per che raggione
me mette sempre in ballo er nome mio
pe' di' l'impertinenze a le persone;
Quanno ch'un omo è sporco
o fa 'na brutta azzione,
je dice: Brutto porco!
E a certe donne matte je dà er nome
de mi' madre, mi' moje, mi' sorella...
Ma come? è córpa nostra
se le donne so' alegre? Oh questa è bella!
Però, quanno me magna, cambia tutto:
nun so' più porco, nun so' più majale,
ma salame, preciutto, e mortadella.
— E pe' me — disse er Bove — è tale e quale:
io puro, a sentì l'omo, rappresento
er marito contento. Eppoi me loda
p'er brodo che je faccio,
p'er sugo che je caccio,
me cucina a la moda...
Puro mi' madre, ch'è 'na Vacca onesta,
serve pe' paragone
a quele donne matte e sporcaccione:
ma, a l'occasione, je se succhia er latte;
peggio! je leva er sangue e se l'innesta!
Le corna, a sentì lui, so' un disonore:
però, siccome crede in bona fede
che portino fortuna, le tiè in mostra;
er discorso nu' regge, ma dimostra
che in fonno ce protegge!
— Ma allora — disse er Porco — perché addopra
li nomi nostri in tante brutte cose? —
Er Bove, ch'è un filosofo, rispose:
— Forse sarà perché ce magna sopra!


ER CONGRESSO DE LI CAVALLI

Un giorno li Cavalli,
stufi de fa' er servizzio,
tennero un gran comizzio de protesta.
Prima parlò er Cavallo d'un caretto:
— Compagni! Si ve séte messi in testa
de mijorà la classe,
bisogna arivortasse a li padroni.
Finora semo stati troppo boni
sotto le stanghe de la borghesia!
Famo un complotto! Questo qui è er momento
d'arubbaje la mano e fasse sotto!
Morte ar cocchiere! Evviva l'anarchia!
— Colleghi, annate piano,
— strillò un Polledro giovene
d'un principe romano —
ché si scoppiasse la rivoluzzione
io resterebbe in mezzo a un vicoletto
perché m'ammazzerebbero er padrone.
Io direbbe piuttosto
de presenta un proggetto ne la quale...
— Odia micchi, gras tibbi, è naturale!
— disse un Morello che da ventun'anno
stracinava er landò d'un cardinale —
Ma si ce fusse un po' de religgione
e Sant'Antonio nostro c'esaudisse... —
Antonio abate, protettore delle bestie.
L'Omo, che intese, disse: — Va benone!
Fintanto che 'sti poveri Cavalli
vanno così d'accordo
io faccio er sordo e seguito a frustalli!


ER GATTO E ER CANE

Un Gatto soriano
diceva a un Barbone:
— Nun porto rispetto
nemmanco ar padrone,
perché a l'occasione
je sgraffio la mano;
ma tu che lo lecchi
te becchi le bòtte:
te mena, te sfotte,
te mette in catena
cór muso rinchiuso
e un cerchio cór bollo
sull'osso der collo.
Seconno la moda
te taja li ricci,
te spunta la coda...
Che belli capricci!
Io, guarda: so' un Gatto,
so' un ladro, lo dico:
ma a me nun s'azzarda
de famme 'ste cose... —
Er Cane rispose:
— Ma io... je so' amico!


CORE DE TIGRE

'Na Tigre der serajo de Nummava,
come vidde tra er pubbrico 'na donna
che la guardava tanto, la guardava,
disse ar Leone: — S'io incontrassi quella
in mezzo d'un deserto, e avessi fame,
mica la magnerebbe: è troppo bella!
Io, invece, bona bona,
j'annerebbe vicino
come fa er cagnolino
quanno va a spasseggià co' la padrona. —
La bella donna, intanto,
pensanno che cór manto
ce sarebbe venuto un ber tappeto,
disse ar marito che ciaveva accanto:
— Io me la magno a furia de guardalla:
che pelo! che colori! com'è bella!
Quanto me piacerebbe a scorticalla!


L'AMORI DER GATTO

Un povero Miciotto,
innammorato cotto
d'una Gattina nera,
je disse: — Verso sera
venite in pizzo ar tetto,
v'ho da parlà: v'aspetto. —
La Gatta, che ciaveva
'na certa simpatia,
disse: — Verrò da voi
doppo l'avemmaria:
ma... resti fra de noi!
Bisognerà sta' attenta
che l'omo nun ce veda,
che l'omo nun ce senta!
— Sì! Fate presto a dillo!
— je disse allora er Gatto —
Io quanno fo l'amore
nun posso sta' tranquillo.
Piagno, me lagno, strillo:
sgnavolo come un matto,
soffio, divento un diavolo!
Nel lamentamme pare
che soffro... e invece godo.
Voi me direte: — È un modo
tutto particolare... —
Ma er fiotto der piacere
che ce viè su dar core
nun è forse compagno
a quello der dolore?
Tutta la vita è un lagno!
In quanto a le persone
che ce vedranno assieme
nun me ne preme gnente;
io ciò 'na posizzione
libbera, indipennente...
Se incontro quarche gatta
eguale a voi, carina,
simpatica, ben fatta,
la fermo e se combina.
L'omo, naturarmente,
lo fa nascostamente;
ma no pe' la morale:
p'er Codice Penale!


LA PANTERA

Una vorta la Pantera
stracinò drento la tana
una bella forastiera.
— Me la vojo magnà viva,
sana sana, in un boccone...
— Ma perché? — disse er Leone —
L'omo istesso dice spesso
che la femmina è cattiva:
si la magni, poi te lagni,
te verrà l'indiggestione...
— Io — rispose la Pantera —
me la pappo espressamente
perch'è troppo propotente.
Per annà così vestita
lei sagrifica la vita
de tant'anime innocente.
Guarda un po' la guarnizzione
che s'è messa sur cappello?
So' le penne de l'ucello,
la capoccia d'un piccione.
E quer coso che cià ar collo
lo so io co' che l'ha fatto!
Lo sa er gatto! Lo sa er pollo!
Nu' j'abbasta solamente
de spelà le pecorelle:
fa li guanti co' la pelle
de li poveri capretti,
e se fa li stivaletti
scorticanno le vitelle!
C'è de peggio! Pe' quer gusto
così barbero der busto
leva l'ossa a le balene...
Nun sta bene! Nun è giusto!
Che direbbe se pur'io
me facessi strigne er petto
co' l'ossaccia de su' zio?
Nun cià core, e pe' l'appunto
me la vojo magnà viva... —
Detto fatto, la Pantera
cominciò la colazzione;
ma arivata a un certo punto
se fermò pe' di' ar Leone:
— Nun capisco come mai
l'omo dice ch'è cattiva...
Nun è vero: è bona assai!


LA SOLIDARIETÀ DER GATTO

Er Cane disse ar Gatto:
— Se famo er patto d'esse solidali
potremo tené testa a li padroni
e a tutte l'antre spece d'animali.
— Dice — Ce stai? — Ce sto. —
Ecco che 'na matina
er Cane annò in cucina
e ritornò con un piccione in bocca.
— Me devi da' la parte che me tocca:
— je disse er Gatto — armeno la metà:
sennò, compagno, in che consisterebbe
la solidarietà?
— È giusto! — fece quello,
e je spartì l'ucello.
Ma in quer momento er coco,
che s'incajò der gioco,
acchiappò er Cane e lo coprì de bòtte
finché nu' lo lasciò coll'ossa rotte.
Appena vidde quel'acciaccapisto
er Gatto trovò subbito la porta,
scappò in soffitta e disse: — Pe' 'sta vorta
so' solidale, sì, ma nun insisto!


LE PENNE D'OCA

Un Oca, dispiacente
perché la gente la trattava male,
se lagnò con un Ciuccio: un Somarello
piuttosto attempatello.
— A sentì l'omo, l'Oca è l'animale
più stupido, più scemo, più imbecille;
nun s'aricorda che le poesie
de Dante, Ariosto, Tasso e d'antri mille
so' uscite tutte da le penne mie?
— Percui — disse er Somaro — è 'na fortuna
d'avé in mano un ucello accusì raro!
Famme er piacere, impresteme 'na penna,
perché, pe' quanto poco me n'intenna,
chi lo sa che pur'io nun ciarieschi
a fanne quarchiduna? —
E je le strappò tutte, una per una,
pe' scrive li sonetti romaneschi!

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module