Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

LA MORTE DER GATTO

È morto er Gatto. Accanto
c'è la povera vedova: una Gatta
che se strugge dar pianto;
e pensa: — Pe' stasera
me ce vorrà la collarina nera,
che me s'adatta tanto! —

Frattanto la soffitta
s'empie de bestie e ognuna fa in maniera
de consolà la vedovella affritta.
— Via, sóra spósa! Fateve coraggio:
su, nun piagnete più, ché ve fa male...
Ma com'è stato? — Ieri, pe' le scale,
mentre magnava un pezzo de formaggio:
nemmanco se n'è accorto,
nun ha capito gnente...
— E già: naturarmente,
come viveva è morto.
— E quanno c'è er trasporto?
— chiede un Mastino — Io stesso
je vojo venì appresso.

Era una bestia bona come er pane:
co' tutto che sapevo ch'era un gatto
cercavo de trattallo come un cane;
che brutta fine ha fatto! —
E dice fra de sé:
— È mejo a lui ch'a me.
— Ah, zitti! — strilla un Sorcio — Nun ve dico
tutto lo strazzio mio!
Povero Micio! M'era tanto amico! —
E intanto pensa: — Ringrazziamo Iddio! —

L'Oca, er Piccione e er Gallo,
a nome de le bestie der cortile,
j'hanno portato un crisantemo giallo.
— Che pensiero gentile!
— je fa la Gatta — Grazzie a tutti quanti. —
E mentre l'accompagna
barbotta: — Che migragna!
Un crisantemo in tanti! —
Poi resta sola e sente
la vocetta d'un Micio
che sgnavola e fa er cicio...
— Questo dev'esse lui! — dice la Gatta:
e se guarda in un secchio
che je serve da specchio...
In fonno, è soddisfatta.


LE COSCENZE ALL'ASTA

Chi volesse comprà quarche coscenza
ne troverà de tutti li colori:
avanti, favorischino, signori,
prezzi da non temere concorrenza!...
Robba d'un fallimento!... — E er ciarlatano
aprì er fagotto che ciaveva in mano.

— Chi non prova non crede! Pe' chi cerca
le coscenze politiche ne trova
una de poco prezzo, quasi nova,
confezzionata in vera guttaperca,
co' l'ideali forti e garantiti
adattabbili a tutti li partiti.

Abbiamo una coscenza in cartapista
resistente a lo scrupolo e ar rimorso,
cucita co' li fili der discorso
d'un membro der partito socialista,
tutto a vantaggio der proletariato
che rimane contento e minchionato.

Sotto a chi tocca! A li repubblicani
je la do cór fonografo, in maniera
ch'er giorno sona l'Inno e verso sera
rimanda la repubblica a domani:
come sistema è er mejo che ce sia
pe' fa' tranquillizzà la monarchia.

C'è pronta una coscenza nazzionale
inverniciata co' la malafede,
con un tirante elastico che cede
dar Vaticano fino ar Quirinale;
è l'urtima che ciò: 'sta settimana
ce n'è stata una vendita puttana! —

E er ciarlatano seguitò a annà avanti
a fa' l'eloggi de la mercanzia;
però la gente se n'annava via
come volesse dije: nun m'incanti...
«Eppoi,» pensava «in fatto de coscenza,
male che vada, se ne pô fa' senza!»

1913


RIUNIONE MONARCHICA

Er cavajer Briccocola ha proposto
de da' un banchetto ar vecchio presidente,
che siccome è onorario e nun fa gnente
rimane co' la carica in quer posto.

— Però — dice — vorrei ch'ogni aderente
me votasse la lista ch'ho composto,
ossia: spaghetti, fritto, abbacchio arosto,
e tutto quanto a un prezzo conveniente.

Infatti, tra er banchetto e tra la festa,
compreso er telegramma a li Sovrani,
verremo a spende dieci lire a testa.

Chi approva arzi la mano... — Ècchete che
se vedeno per aria cento mani...
— La proposta è approvata! Evviva er Re!

1911


RIUNIONE REPUBBRICANA

È una sala un po' stretta: se la guardi,
pare la cammeretta d'un portiere:
c'è un tavolino, un gabbarè, un bicchiere,
e er quadro de Mazzini e Garibbardi.

Eppuro è propio lì che certe sere
se critica er Sovrano infino a tardi,
ma sempre co' li debbiti riguardi
cercanno de nun daje un dispiacere.

Lo stesso deputato, se ce prova,
in queli casi lì, dice e nun dice,
crede e nun crede, approva e nun approva...

E mentre pija tempo pe' decide
s'accorge che de dietro a la cornice
Mazzini pensa e Garibbardi ride...

1911


RIUNIONE SOCIALISTA

Allora li vedevo all'osteria:
ereno una ventina e tutt'eguale,
uniti ner medesimo ideale
pe' demolì la grassa borghesia.

Ma poi Checchino aperse un'aggenzia,
Pio diventò padrone d'un locale,
Giggetto fece un zompo ar Quirinale,
uno annò fora e un antro scappò via...

Mó so' rimasti in tre: ma puro adesso,
co' tutto ch'er partito sta abbacchiato,
la sera se riunischeno lo stesso.

Defatti l'antro jeri protestorno
contro la guerra, doppo avé votato
un litro asciutto e un ordine der giorno.

1911


RIUNIONE CLERICALE

La sala indove fanno la riunione
è un sito senza lusso e senza boria:
nun c'è che un Papa in sedia gestatoria
e un Gesucristo in croce in un cantone.

Don Pietro, er presidente, fa la storia
de come vanno l'organizzazzione;
dice: — Co' li tranvieri va benone,
co' li scopini è stata una vittoria. —

Poi parla de le cariche sociali,
de l'elettori, de l'affari sui,
e de banche e de sconti e de cambiali...

De tutto parla meno che d'Iddio,
e forse er Cristo penserà fra lui:
— Se so' scordati che ce so' pur'io!

1911


LI RICEVIMENTI

Un re, oggiggiorno, nun è più un tiranno
come s'usava ar tempo medievale:
ma un omo bono, semprice, gioviale,
che cerca de regnà senza fa' danno.

Guarda, presempio, er nostro: er Capodanno
riceve le persone ar Quirinale,
e er giorno doppo legghi sur giornale
quello che dice a quelli che ce vanno.

L'urtima vorta chiese a un deputato:
— Come va la salute?... — Eh, veramente,
— je fece quello — so' rumatizzato... —

Er Sovrano rispose: — È la staggione!... —
'Sta cosa, ner colleggio speciarmente,
ha fatto una bellissima impressione.

1912

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module