Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

Alberto Sordi, uno dei più popolari attori del cinema italiano, nacque a Roma, in via di S.Cosimato, il 15 giugno 1920 da Pietro Sordi, direttore d'orchestra e concertista presso il Teatro dell'Opera, e Maria Righetti, insegnante. Dopo avere abbandonato l'Istituto d'Avviamento Commerciale 'Giulio Romano' di Trastevere (si diplomerà in seguito studiando da privatista), si trasferì a Milano per frequentare l'Accademia dei Filodrammatici, dalla quale fu espulso a causa del suo spiccato accento romano (soltanto nel 1999 riceverà dall'Accademia un diploma "honoris causa" in recitazione). Nel 1936 Alberto Sordi tentò senza successo la strada del teatro leggero, poi tornò a Roma, dove partecipò come comparsa al film "Scipione l'Africano". L'anno successivo vinse un concorso della Metro Goldwin Mayer come doppiatore di Oliver Hardy e debuttò nell'avanspettacolo proprio in qualità di imitatore di Stanlio e Ollio, con il nome d'arte di Albert Odisor. Negli anni Quaranta, Alberto si impegnò soprattutto nel teatro e nel doppiaggio, prestando la sua voce anche a Robert Mitchum ed Anthony Quinn, nonché a Marcello Mastroianni per il film "Domenica d'agosto".  Il cinema gli concesse solo piccoli ruoli, come "I tre aquilotti", di Mario Mattoli, mentre si affermò nel mondo della rivista di varietà, di gran lunga lo spettacolo teatrale più seguito dagli italiani anche negli anni drammatici e tristi della guerra. Nel 1943 era al "Quirino" di Roma con "Ritorna Za-Bum", scritto da Marcello Marchesi con la regia di Mattoli. L'anno seguente segnò il debutto al "Quattro Fontane" con "Sai che ti dico?", sempre di Marchesi con regia di Mattoli. Successivamente prese parte alla rivista "Imputati...alziamoci!" di Michele Galdieri ed il suo nome apparve per la prima volta in grande nei manifesti dello spettacolo. Alla radio ottenne un successo straordinario con "Rosso e nero" e "Oplà", presentati da Corrado, mentre il suo debutto nel mondo della televisione risale al 1948, quando, presentato alla neonata Rai dalla scrittrice Alba de Cespedes, condusse un programma di cui fu anche autore, "Vi parla Alberto Sordi". Grazie a queste esperienze diede vita a personaggi come il signor Coso, Mario Pio ed il conte Claro (od i celebri "compagnucci della parrocchietta"), personaggi che furono la base primaria della sua grande popolarità e che gli permisero di ottenere (grazie a De Sica e Zavattini) finalmente un ruolo da protagonista nel film "Mamma mia, che impressione!" (1950) di Roberto Savarese. L'anno successivo Fellini gli regalò la grande occasione con la parte dello sceicco romanesco ne "Lo sceicco bianco" e, vista l'ottima prova, il grande regista, nel 1953, lo richiamò anche per un altro film, "I vitelloni", un caposaldo del cinema di ogni tempo, acclamato da subito da critica e pubblico. Nel 1954 uscirono ben 13 film interpretati da Alberto Sordi, fra cui "Un americano a Roma" di Steno, nel quale interpretò Nando Moriconi, lo spaccone romano con il mito degli States (nel 1955 a Kansas City riceverà le chiavi della città e la carica di Governatore onorario come "premio" per la propaganda favorevole all'America promossa dal suo personaggio). Sempre nel '54 vinse il "Nastro d'argento" come miglior attore non protagonista per "I vitelloni". Negli anni Cinquanta interpretò, solo per fare pochi esempi, "L'arte di arrangiarsi" (1955) di Luigi Zampa, "Un eroe dei nostri tempi" (1955) di Mario Monicelli, "Lo scapolo d'oro" (1956) di Antonio Pietrangeli, grazie al quale ricevette il suo primo Nastro d'Argento come miglior interprete protagonista, "Ladro lui, ladra lei" (1958) ancora diretto da Luigi Zampa e soprattutto "La grande guerra" (1959) di Mario Monicelli e "Il vigile" (1960), sempre di Luigi Zampa, dove, nei panni dello spiantato Otello, creò uno dei suoi personaggi più divertenti. Il successo di Sordi continuò inarrestabile ed ebbe il suo apogeo negli anni Sessanta, il periodo d'oro della commedia all'italiana. Fra i riconoscimenti vanno segnalati il "Nastro d'argento" come miglior attore protagonista per "La grande guerra" di Monicelli, il "David di Donatello" per "I magliari" e "Tutti a casa" di Comencini (per cui ricevette anche una "Grolla d'oro"), "Globo d'oro" negli Stati Uniti ed "Orso d'oro" a Berlino per "Il diavolo" di Polidoro, senza contare le innumerevoli e magistrali interpretazioni in tantissimi altri film che, nel bene o nel male, hanno segnato il cinema italiano. Nel '66 Sordi si cimentò anche come regista: ne uscì il film "Fumo di Londra", che si aggiudicò il "David di Donatello", mentre, due anni dopo, tornò a farsi dirigere da altri due maestri della commedia come Zampa e Nanni Loy, rispettivamente nel grottesco "Il medico della mutua" (una satira che metteva all'indice il sistema sanitario nazionale ed i suoi difetti) e nel "Detenuto in attesa di giudizio". Alberto Sordi, come tutti i grandi artisti, espresse il suo poliedrico talento anche nell'ambito del cinema drammatico: una prova famosa per intensità è quella di "Un borghese piccolo piccolo", sempre di Monicelli, che gli valse l'ennesimo "David di Donatello" per l'interpretazione. "Il marchese del Grillo" (1980) (nella foto a sinistra), "Io so che tu sai che io so" (1982) con Monica Vitti, "In viaggio con papà" (1982) e "Troppo forte" (1986) con Carlo Verdone furono i successi degli anni Ottanta, che culminarono al Carnegie Hall Cinema di New York dove, nel novembre del 1985, si svolse la rassegna "Alberto Sordi - Maestro of Italian Comedy". Nel 1994 diresse, interpretò e sceneggiò, insieme al fedele Sonego, "Nestore - L'ultima corsa": grazie alla rilevanza delle tematiche affrontate, il film fu scelto dal Ministero della Pubblica Istruzione per promuovere nelle scuole una campagna di sensibilizzazione sulle problematiche degli anziani e del rispetto degli animali. L'anno successivo al Festival del Cinema di Venezia, dove venne presentato "Romanzo di un giovane povero" di Ettore Scola, ricevette il "Leone d'Oro" alla carriera. Nel 1997 Los Angeles e San Francisco gli dedicano una rassegna di 24 film che riscossero un grandissimo successo di pubblico. Due anni dopo altro "David di Donatello" per "i 60 anni di straordinaria carriera". Il 15 giugno del 2000, in occasione dei suoi 80 anni, il sindaco di Roma, Francesco Rutelli, gli cedette per un giorno lo "scettro" di Sindaco della città. Altri significativi riconoscimenti gli furono assegnati anche da istituzioni accademiche, attraverso l'assegnazione di lauree "honoris causa" in Scienze della Comunicazione (rispettivamente dallo Iulm di Milano e dall'Università di Salerno). La motivazione della laurea milanese recita: "La laurea viene assegnata ad Alberto Sordi per la coerenza di un lavoro che non ha eguali e per l'eccezionale capacità di usare il cinema per comunicare e trasmettere l'ideale storia di valori e costumi dell'Italia moderna dall'inizio del Novecento a oggi". Alberto Sordi morì a Roma il 25 febbraio 2003, nella sua villa di piazza Numa Pompilio, all'età di 82 anni, dopo una grave malattia durata sei mesi. Il cordoglio ed il dolore per la sua scomparsa si manifestarono immediatamente: dal pomeriggio stesso un flusso ininterrotto di ammiratori rese omaggio alla salma nella camera ardente allestita in Campidoglio. Il 27 febbraio si svolsero i funerali solenni nella basilica di S.Giovanni in Laterano, davanti a circa 500.000 persone: per l'occasione un aereo sorvolò i cieli di Roma con la commovente scritta: "'Sta Vorta c'hai fatto piagne!" Alberto oggi riposa nella tomba di famiglia presso il Cimitero del Verano. Adorato dal pubblico di ogni età e celebrato come uno dei più geniali interpreti del nostro cinema, Alberto Sordi divenne una sorta di leggenda, il simbolo cinematografico dell'italiano medio idealista ed un po' mammone, al tempo stesso vigliacco e cinico. Se per l'Italia intera divenne l'Albertone Nazionale, per Roma è tuttora considerato uno dei suoi figli prediletti, un romano d.o.c. che seppe farsi amare per la sua impareggiabile simpatia ed ironia. A testimonianza dell'amore che Roma tuttora nutre per Alberto, è storia recente (il 15 giugno 2012, giorno del compleanno) l'apposizione di una targa all'altezza del civico 12 di via di S.Cosimato che così recita: "QUI DI FRONTE, AL CIVICO 7 DI UNA CASA CHE NON C'È PIÙ IL 15 GIUGNO 1920 NASCEVA ALBERTO SORDI ATTORE ED INDIMENTICABILE INTERPRETE DELLA "STORIA DI OGNI ITALIANO".. PARTE ORMAI INDELEBILE DI OGNUNO DI NOI.. MUNICIPIO 1°  A RICORDO TRASTEVERE POSE  A.D. MMXII  RIONE XIII". Ricordiamo che la casa dove nacque Alberto Sordi, situata, come ricorda la targa, di fronte all'attuale civico 12 della via, fu demolita nel 1936 per la costruzione del grande complesso di proprietà della Santa Sede, annesso al convento di S.Callisto.

CIAO ALBERTO!

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module