Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza ed offrire servizi in linea con le tue preferenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla pagina Cookie Policy.

La piazza prende il nome dalla omonima chiesa di S.Bernardo (nella foto sopra) edificata nel 1598 per volere di Caterina Sforza di S.Fiora e dedicata al 1  Sala Rotonda delle Terme di Dioclezianosanto borgognone Bernardo da Chiaravalle (1090-1153), fondatore dell'Ordine dei Cistercensi, al quale la nobildonna era particolarmente devota. La chiesa fu ricavata da una delle due sale circolari poste ai lati del recinto esterno delle "Terme di Diocleziano", tanto che il suo nome esteso è "S.Bernardo alle Terme", ma viene anche denominata la "chiesa senza finestre", perchè prende luce solamente dall'impluvium, il grande foro circolare (oggi chiuso da un lanternino) posto al centro della grande cupola del diametro di 22 metri, ornata di file concentriche di cassettoni ottagonali decrescenti verso la sommità. Come sopra menzionato, due erano le sale circolari delle antiche Terme e vogliamo cogliere l'occasione per ricordare che anche l'altra sala è perfettamente conservata (nella foto 1), situata all'angolo tra via del Viminale e piazza dei Cinquecento. Nel XVII secolo questa piazza era chiamata anche "Borgo S.Bernardo" mentre nell'800 fu detta anche "piazza del Fontanone di Termini", in riferimento alla fontana del Mosè qui situata (nella foto 2). Questa fontana è la mostra dell'Acquedotto Felice, dal nome di battesimo del papa che commissionò l'opera, Sisto V Felice Peretti: infatti i pontefici che restauravano gli antichi acquedotti romani usavano realizzare anche delle fontane-mostra per ricordare i loro atti di munificenza. L'acquedotto Felice aveva lo scopo di rifornire d'acqua i rioni alti della città, ma soprattutto la magnifica e vastissima Villa Montalto di proprietà 2  Fontana del Mosédello stesso papa Sisto V. L'esecuzione dell'opera venne dapprima affidata a Matteo Bertolani di Città di Castello, il quale commise un grave errore di calcolo sulla livellazione "che non avrebbe consentito il movimento dell'acqua per gravità lungo la condotta, ma la medesima acqua, ad un certo punto, invece di andare avanti, pensava bene di tornarsene indietro". L'impresa venne allora affidata all'architetto Giovanni Fontana, il quale, in due anni, condusse a termine l'acquedotto Felice, che fu inaugurato il 15 giugno 1587. Nello stesso anno fu inaugurata anche la fontana-mostra (nella foto 2), ad opera di Domenico e Giovanni Fontana, come dice l'epigrafe non visibile dal basso ma nascosta sotto la grande cornice dell'attico. Costruita tutta in travertino, in gran parte proveniente da "anticaglie di Termini", la grande fontana è ornata da quattro colonne ioniche, "due di cipollino e due di breccia grigia", che, con i contropilastri, sostengono l'architrave, sul quale si eleva l'attico sormontato da un'edicola contenente lo stemma papale di papa Sisto V, sorretto da due angeli e fiancheggiato da due piccoli obelischi. La grande iscrizione dice: "SIXTUS V PONT MAX PICENUS AQUAM EX AGRO COLUMNAE VIA PRAENEST SINISTRORSUM MULTAR COLLECTIONE VENARUM DUCTU SINUOSO A RECEPTACULO MIL XX A CAPITE XXI ADDUXIT FELICEMQ DE NOMINE ANTE PONT DIXIT". Sotto l'altissimo attico si aprono tre grandi nicchie, scandite dalle quattro colonne che sono in simmetria con altrettanti leoni egizi (nella foto 3) 3  Leoni egiziposti sulle vasche: quelli visibili oggi sono soltanto copie eseguite dallo scultore Adamo Tadolini, mentre gli originali (uno di essi visibile nella foto 4) si trovano ai Musei Vaticani, lì trasferiti da papa Gregorio XVI (1831-1846). I leoni provenivano dall'Iseo Campense, e per un secolo e mezzo furono posti ad ornamento di due piccole vasche al centro di piazza della Rotonda ed anche all'ingresso centrale della basilica di S.Giovanni in Laterano, dove sostenevano i fasci di colonne fiancheggianti la porta. Tutta la fontana del Mosé è racchiusa da una bellissima balaustrata marmorea, mentre la nicchia centrale contiene la massiccia statua che dà il nome alla fontana, il "Mosè", opera di Leonardo Sormani e Prospero Antichi detto "il Bresciano". La colossale statua risulta sproporzionata ed un po' grottesca, tanto che il giorno dell'inaugurazione il popolo sentenziò che il "Mosè" fosse accigliato per essere stato creato da uno scultore tanto inetto. Alle pesanti critiche, si aggiunse anche Pasquino con una delle sue "pasquinate": "Guarda con occhio torvo l'acqua che sgorga ai pie' pensando inorridito al danno che a lui fe' uno scultor stordito". Il rilievo della nicchia sinistra raffigura "Aronne che guida il popolo ebreo a dissetarsi", opera di Giovan Battista 4  Leone originale ai Musei VaticaniDella Porta; nella nicchia di destra vi è il rilievo di "Giosuè che fa attraversare agli ebrei il Giordano asciutto", opera di Flaminio Vacca e Pietro Paolo Olivieri, autori anche del fregio con lo stemma di Sisto V fra due angeli.

 

> Vedi Cartoline di Roma

ROMASEGRETA.IT
ONLINE DAL 16/02/2003
----------------------------

Questo sito è stato realizzato anche grazie alla pazienza di Rita

giweather joomla module