Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

 
Ammirare Roma dall'alto delle sue terrazze (Gianicolo, Parco degli Aranci, Pincio o altre ancora) è sicuramente uno spettacolo mozzafiato, un susseguirsi infinito di monumenti che puntano “verso l'alto”: palazzi, torri, logge, cupole e campanili si affrontano in una gara di altezza dove l'unico vincitore è colui che ne rimane estasiato. In questa pagina vogliamo soffermarci sui campanili, ovvero quelle costruzioni destinate ad ospitare le campane ed a diffonderne il suono il più lontano possibile. Il campanile è un'opera essenzialmente italica e probabilmente non anteriore all'VIII secolo. Se oggi ne ammiriamo principalmente l'eleganza, l'altezza o le decorazioni architettoniche non dobbiamo dimenticare che la funzione delle campane da essi custodite, oltre a chiamare i fedeli a raccolta o indicare da lontano il luogo di Dio, per secoli fu il mezzo più rapido e diffuso per comunicare eventi più o meno fausti: elezioni e morti di pontefici, pestilenze, chiamata alle armi per difendere la città in caso di invasione nemica o anche, più banalmente, segnare il passare delle ore con i loro rintocchi. Le torri campanarie di Roma (o torri civiche, se attigue ad un palazzo pubblico) costituiscono una testimonianza molto importante dell'architettura della città, anche se a volte erroneamente trascurate. Ad esempio, oggi è poco conosciuta ma Roma, in passato, era tradizionalmente molto legata alla sua Patarina, la celebre campana della torre che svetta sul Palazzo Senatorio e che fu tolta ai viterbesi nel corso del Medioevo: è per eccellenza la campana civica ed ancora oggi fa sentire la sua voce nelle occasioni laiche più solenni quale il Natale di Roma o l'elezione del sindaco. Come non rimanere affascinati dal campanile della chiesa di S.Benedetto in Piscinula, così minuto e al contempo così colmo di primati: è il campanile più piccolo di Roma e custodisce la campana più antica (datata 1069!) e più piccola (soltanto 45 cm di diametro). Il campanile più antico è invece quello della chiesa dei Ss.Quattro Coronati (nella foto in alto sotto il titolo, che risale al IX secolo), mentre il più alto è quello della basilica di S.Maria Maggiore (ben 75 metri).
Ecco a voi una galleria fotografica con alcuni dei campanili più belli di Roma: venite spesso a visitare questa pagina perché periodicamente aggiungeremo nuove fotografie.