Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

La cinta urbana più antica è nota col nome di Serviana, dal nome del primo costruttore, Servio Tullio, il sesto re di Roma, e risale alla metà del VI secolo a.C. I resti delle mura, in blocchi di tufo di Grotta Oscura, pervenuti fino a noi, sono però più tardi, circa della prima metà del IV secolo a.C. Nella foto in alto vediamo i grandiosi resti delle mura prossime all'antica "porta Raudusculana", all'angolo tra viale M.Gelsomini e via di S.Anselmo: questo tratto di muro è costituito da 15 filari per una lunghezza di 42 ed un'altezza di 8 metri e presenta solo il paramento in blocchi di tufo, mentre il nucleo è in opera cementizia.

1 Mura Serviane a via di S.Anselmo


L'arco che si apre nel muro, sopra l'ottavo filare, è un'apertura per camera balistica (come l'arco custodito all'interno di palazzo Antonelli): dalla tecnica di costruzione si rileva che è un settore ricostruito in epoca tardo-repubblicana, probabilmente nell'87 a.C. Nella foto 1 vediamo il proseguimento delle mura lungo via di S.Anselmo che salivano verso il colle Aventino fino alle sue pendici meridionali, dove si apriva la "porta Lavernalis": sono 12 filari per una lunghezza di 43 ed un'altezza di 7 metri.