Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

Pascarella Cesare nacque a Roma il 28 aprile 1858 e vi morì l'8 maggio 1940. La sua poesia si basa sulla figura del popolano, non più plebeo però, bensì del "popolano della nuova Italia unificata e parlamentare, portato ad un livello di vita più dignitoso, meno mortificato dall'analfabetismo e dalla miseria", come scrisse di lui Pier Paolo Pasolini, una "macchietta" di uno spettacolo di varietà. Il suo linguaggio non è più il romanesco del Belli, ma un italiano corrotto in un idioma romano. Tra le sue opere ricordiamo alcuni sonetti, pubblicati sulla "Cronaca Bizantina" e poi sul "Capitan Fracassa", come "Er morto de campagna" (1881), "La serenata" (1883), "Er fattaccio" (1884), "Cose der monno" (1887). Nel 1886 pubblicò, a sue spese, "Villa Gloria", 25 sonetti sul tentativo dei fratelli Cairoli di liberare Roma, e nel 1894 il suo lavoro più noto, "La scoperta dell'America", una raccolta di 50 sonetti nei quali un gruppo di popolani, riuniti in un'osteria, discutono sulla storia di Cristoforo Colombo e della scoperta del continente americano, il tutto colorito con commenti divertenti, osservazioni originali ed un po' infantili e con grosse bevute di vino. Nel 1905 si accinse a scrivere "Storia Nostra", una storia di Roma dalle origini, che doveva contare 350 sonetti, ma rimasta incompiuta con 277: nel 1961 venne pubblicata dall'Accademia dei Lincei.