Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

ER DISCORSO DE LA CORONA

C'era una vorta un Re così a la mano
ch'annava sempre a piedi come un omo,
senza fanfare, senza maggiordomo,
senza ajutante...; insomma era un Sovrano
che quanno se mischiava fra la gente
pareva quasi che nun fosse gnente.

A la Reggia era uguale: immagginate
che nun dava mai feste, e certe vorte
ch'era obbrigato a dà' li pranzi a Corte
je faceva li gnocchi de patate,
perché — pensava — la democrazzia
se basa tutta su l'economia.

— Lei me pare ch'è un Re troppo a la bona:
— je diceva spessissimo er Ministro —
e così nun pô annà, cambi reggistro,
se ricordi che porta la Corona,
e er popolo je passa li bajocchi
perché je dia la porvere nell'occhi. —

Ma lui nun ce badava: era sincero,
diceva pane ar pane e vino ar vino;
scocciato d'esse er primo cittadino
finiva pe' regnà soprappensiero,
e in certi casi succedeva spesso
che se strillava «abbasso» da lui stesso.

Un giorno che s'apriva er Parlamento
dovette fa' un discorso, ma nun lesse
la solita filara de promesse
che se ne vanno come fumo ar vento:
— 'Sta vorta tanto — disse — nun so' io
se nu' je la spiattello a modo mio! —

E cominciò: — Signori deputati!
Credo che su per giù sarete tutti
mezzi somari e mezzi farabbutti
come quell'antri che ce so' già stati,
ma ormai ce séte e basta la parola,
la volontà der popolo è una sola!

Conosco bene le vijaccherie
ch'avete fatto per avé 'sto posto,
e tutte quel'idee che v'hanno imposto
le banche, le parrocchie e l'osterie...
Ma ormai ce séte, ho detto, e bene o male
rispecchiate er pensiero nazzionale.

Dunque forza a la machina! Er Governo
è pronto a fa' qualunque umijazzione
purché je date la soddisfazzione
de fallo restà su tutto l'inverno;
poi verrà chi vorrà: tanto er Paese
se ne strafotte e vive su le spese.

Pe' conto mio nun vojo che un piacere:
che me lassate in pace; in quanto ar resto
fate quer che ve pare: nun protesto,
conosco troppo bene er mi' mestiere;
io regno e nun governo e co' 'sta scusa
fo li decreti e resto a bocca chiusa.

Io servo a inaugurà li monumenti
e a corre su li loghi der disastro;
ma nun me vojo mette ne l'incastro
fra tutti 'sti partiti intransiggenti:
anzi j'ho detto: Chiacchierate puro,
ché più ve fo parlà più sto sicuro.

Defatti la Repubbrica s'addorme
davanti a li ritratti de Mazzini,
er Socialismo cerca li quatrini,
sconta cambiali e studia le riforme,
e quello de la barca de San Pietro
nun sa se rema avanti o rema addietro. —

A 'sto punto er Sovrano arzò la testa
e vidde che nun c'era più nessuno
perché li deputati, uno per uno,
èreno usciti in segno de protesta.
— Benone! — disse — Vedo finarmente
un Parlamento onesto e inteliggente!

novembre 1910


ROCCASCIUTTA

A Roccasciutta c'è 'na fontanella
co' tre conchije indove c'esce fòra
un pupazzo che regge una cannella:
però nun butta, e ar popolo je tocca
d'annasse a pijà l'acqua co' la brocca
in fonno ar bosco che ce vô mezz'ora.

Ècchete che un ber giorno
un signorone pieno de quatrini,
che ciaveva er castello de lì intorno,
pensò: — Quest'è er momento più adattato
de famme un largo in mezzo a 'sti burini
per esse deputato... —
E li chiamò pe' dije: — Cittadini!
Avete da sapé ch'anticamente
sotto la vecchia piazza der paese
ce stava una sorgente:
dunque scavate, ricercate er fonno,
ch'io penserò a le spese
e a tutte l'antre cose che ce vonno. —
S'incominciò a scavà; ma una matina
un muratore intese fa' uno scrocchio
sotto la punta de la caravina.
Se fermò spaventato! S'era accorto
che l'aveva infilata drent'all'occhio
d'una testa de morto!
Tutta la gente corse pe' vedella:
— Madonna bella! E de chi mai sarà?
— D'un vecchio ladro? — Forse.
— D'un galantomo? — Mah! —

Un prete disse: — Immaggino che sia
de Santa Pupa vergine, la quale
fu scorticata dietro a l'Abbazzia. —
E detto fatto se la portò via
incartata in un pezzo de giornale.
— Questo è un sopruso der partito nero! —
fece arabbiato un anticlericale:
e propose un comizzio de protesta
pe' sostené che quella era la testa
d'un martire del libbero pensiero.
— È propio lui! — strillò — Lo prova er fatto
che er cranio s'è votato in un momento
perché er pensiero che ce stava drento,
quanno s'intese libbero, scappò.
— Invece 'sta capoccia tocca a noi!
— dissero allora li repubbricani
ch'oggiggiorno scarseggeno d'eroi —
Ché questo è Pietro Bùschera che stette
co' Garibaldi ner sessantasette,
ner sessantotto e l'anno che viè poi... —

E così s'annò avanti du' o tre mesi:
dimostrazzioni, fischi, assembramenti,
comizzi, squilli, scioperi, accidenti...
E li lavori furono sospesi.
.............................................
L'antro giorno so' stato a Roccasciutta:
ho visto quattro o cinque monumenti,
ma c'è la fontanella che nun butta.

1911


ER PUNTO D'ONORE

Una lettera anonima, fra tante,
fu quella ch'aprì l'occhi ar Professore;
diceva: «Preggiatissimo Signore,
ci avviso che sua moglie cià l'amante.
Se volesse la prova ch'è un cornuto
torni a casa a le sette. La saluto».

— E qua bisogna aggì — disse er Marito. —
Stasera no, perché me sento male,
domani è martedì, ciò 'na cambiale,
doppo domani a sera ciò un invito...
Gioveddì sarei libbero, e così
vendicherò l'onore gioveddì. —

Defatti, er gioveddì, tutto in un botto
ritornò a casa verso una cert'ora,
guardò dar bucio e vidde la Signora
abbracciata assieme a un giovenotto.
— Benone! — dice — E adesso che ce semo
com'ho da fa' pe' nun passà da scemo?

Pe' conto mio li lasserei tranquilli
pe' falli spupazza’ quanto je pare;
ma pell'occhio der monno? Ecco l'affare!
E p'er punto d'onore? Ecco er busilli!
Per esse gentilomo è necessario
che metta tutto in mano ar commissario.

Però, nun è una cosa troppo bella
de portà l'amor propio in polizzia...
La caccio? Peggio! Se la caccio via,
me toccherebbe pure a mantenella...
Gira e riggira, er mezzo più mijore
è forse quello de spaccaje er core.

È provato, defatti, che la gente
nun vô er divorzio e dice ch'è immorale:
ma appena legge un dramma coniugale
s'associa cór marito delinquente,
che in fonno fa er divorzio a l'improviso
perché manna la moje in Paradiso.

Tutto sommato me potrà succede
d'annà davanti a dodici giurati:
ma quanno li periti e l'avvocati
diranno ch'ho ammazzato in bona fede,
sarò assoluto, e co' l'assoluzzione
chissà che nun ce scappi l'ovazzione.

Dunque... coraggio! — E prese la pistola:
entrò, sparò la botta... Ma la palla,
invece d'acchiappà quela vassalla,
entrò sotto a la coda a la Gagnola
che per esse fedele a tutt'e tre
s'era accucciata sotto a un canapè.

— Te la piji co' me, brutt'assassino!
— strillò la Cagna — Ma se lo risà
er Presidente de la Società
che protegge le Bestie, caschi fino!
Vedrai che te condanneno... e ciò gusto!
Un'antra vorta mirerai più giusto!

1910


ER COCO DER RE

Doppo li primi scoppi de le bombe
sur tetto der palazzo, appena intese
l'aria sgaggiante de la Marsijese
ch'esciva finarmente da le trombe,
er Re diventò pallido e scappò.
Addio lista civile! Addio bandiera!
De tanti magnapane a tradimento
nun ce fu un cane che je disse: «spera!»,
nun ce fu un cane che l'incoraggiò!
Scapporno tutti. Nun restò ch'er Coco,
fermo, davanti ar foco der fornello:
nun ce restò che quello! Troppo poco!

Anzi, la sera, er Presidente stesso
de la nova Repubbrica je fece:
— E tu nun sei scappato? Me fa spece!
Io me pensavo che j'annavi appresso...
— Ah, mai! — rispose er Coco — Nun potrei!
Io resto ar posto de combattimento
convinto che, levato er condimento,
come magnava er Re magnerà lei.
Sotto ar tiranno ch'è scappato via
facevo er pollo co' la pasta frolla,
e adesso lo farò co' la cipolla
pe' fa' contenta la democrazzia.
Ma, in fonno, la sostanza è tale e quale.
Presempio, lei, da bon repubbricano
ha già levato er grugno der Sovrano
dar vecchio francobbollo nazzionale,
e n'ha stampato un antro co' la stella
co' tanto de Repubbrica su in cima...
Ma la gomma de dietro è sempre quella
e er popolo lo lecca come prima.

1910


LI CONVINCIMENTI DER GATTO

Un vecchio Gatto mezzo insonnolito,
giranno pe' lo studio d'un pittore,
je parse de sentì come un rumore
d'un Sorcio che raspava in quarche sito:
cri-cri, cri-cri... Cercò per tutta casa,
e guarda, e smiccia, e annasa,
finché scoperse che ce n'era uno
de dietro a un quadro de Giordano Bruno.
Provò d'avvicinasse piano piano,
ma er Sorcio se n'accorse; tant'è vero
che disse: — Amico! Stattene lontano.
Porta rispetto ar libbero pensiero!
Abbi riguardo ar martire che un giorno
fece la fine de l'abbacchio ar forno...
— Va bè', — je fece er Micio —
farò 'sto sacrificio... —

Però la sera appresso risentì
lo stesso raspo e ritrovò l'amico
de dietro a un quadro antico
d'un San Lorenzo Martire: cri-cri...
Er Sorcio nun se mosse. Dice: — E adesso
rispetta er sentimento religgioso:
nun sai che questo è un santo
tanto miracoloso?
Nun sai che puro lui
finì su la gratticola? Per cui...

— Rispetto un par de ciufoli!
— rispose er Gatto — Tu, cór sentimento,
t'arampichi, t'intrufoli,
rosichi, magni e poi
metti in ballo li martiri e l'eroi
che t'hanno da servì da paravento...
Che speri? che rispetti l'ideali
de certe facce toste
compagne a te, che tengheno riposte
le convinzioni come li stivali?
No, caro: in de 'sti casi sfascio er quadro,
strappo la tela, sfonno la figura,
finché nun ciò fra l'ogna er Sorcio ladro
che me vorebbe da' la fregatura.


TUTTI CONTENTI!

Sdrajato ne la tana, er Re Leone
riceveva le bestie d'ogni spece;
pe' prima entrò la Pecora e je fece:
— Noi stamo in una brutta posizzione:
er Lupo ce perseguita, e tu sai
che pe' nojantre Pecore so' guai!
Finisce che ce scanna a quante semo!
— Va bene. — disse er Re — Provederemo! —

Appena che la Pecora uscì fôri
ècchete ch'entrò un Lupo. — Io — dice — aspetto
che li ministri faccino un proggetto
per abbolì li cani a li pastori.
Noi che vivemo co' le Pecorelle
come potemo sta' senza de quelle?
Se er cane abbaja, capirai da te...
— Provederemo! —je rispose er Re.

L'Orso, ch'era ministro de l'Interno,
je parlò d'un Somaro attempatello:
— Bisogna incoraggiallo, perché quello
è stato sempre amico der Governo.
Quann'era deputato c'è servito
a caricà le pigne der partito...
— Allora — disse er Re — che sia mannato
co' quelo stesso carico ar Senato.

— E er Pappagallo? — dice — che t'ha fatto?
Trovàmoje un impiego, capirai:
quello è un ucello che figura assai,
je ce vorebbe un postarello adatto...
Che fa?! campa d'entrata e se distingue
perché sa di' «va bene» in cinque lingue,
pepoi s'inchina a tutte le signore...
— 'Be', — dice — lo faremo ambasciatore. —

E l'Orso seguitò: —Jeri ho veduto
er capo de le Vespe socialiste,
che m'ha rotto le scatole e che insiste
pe' via che vorebb'esse ricevuto...
— Che venga pure! — disse er Re — Se vede
che adesso è socialista in bona fede... —
L'Orso rispose: — Sì; prova ne sia
ch'hanno deciso de cacciallo via.


PER ARIA

Un Omo che volava in aroplano
diceva fra de sé: — Pare impossibbile
fin dove pô arivà l'ingegno umano! —
Quanno s'intese di': — Collega mio,
quanti mil'anni avete faticato
pe' fa' quer che fo io!
Ma mó, bisogna che lo riconosca,
in fonno ve ce séte avvicinato... —
L'Omo guardò er collega... Era una Mosca!

— Ma io, però, ciò l'ale ner cervello,
— je fece l'Omo — e volo co' l'ingegno.
Defatti ho immagginato 'sto congegno
per avé le risorse de l'ucello.
Deppiù, se c'è la guerra,
m'accosto ar celo e furmino la terra:
ogni bomba che butto è 'no sfraggello.
Indove trovi un mezzo più potente
per ammazzà la gente?
— Su questo qui potete sta' tranquillo,
— je rispose la Mosca — ché pur'io
l'ammazzo a modo mio:
ma invece de la bomba ciò er bacillo.
Quanno vojo fregà quarche persona,
succhio la robba guasta
e je la sputo su la robba bona:
l'omo la magna e... basta.

Se sa ch'ognuno addopra l'arme sue
cór sistema più pratico, se sa:
ma, in fonno, lavoramo tutt'e due
a beneficio de l'umanità.


ER DIAVOLO DE STOPPA

Un Re se fece un Diavolo de stoppa:
— Così, — pensò — se er popolo scontento
un giorno o l'antro pija er sopravvento
perché se stufa de tenemme in groppa,
je faccio vede er Diavolo, e l'Inferno
rinforzerà la base der Governo. —

Defatti, quanno c'era una sommossa,
er Re se presentava cór pupazzo
de dietro a le finestre der palazzo
illuminate da una luce rossa,
e er popolo scappava fra li strilli
come se avesse inteso li tre squilli.

Un giorno, un vecchio che sapeva er gioco,
volle aprì l'occhi a quela folla scema:
— Badate: — disse — un popolo che trema
davanti a un burattino vale poco... —
Ma fu schiaffato subbito in priggione
perché nun rispettò l'istituzzione.

1900


L'AQUILA ROMANA

L'antra matina l'Aquila romana,
che ce ricorda, chiusa ne la gabbia,
le vittorie d'un'epoca lontana,
disse a la Lupa: — Scusa,
ma a te nun te fa rabbia
de sta' sempre rinchiusa?
Io, francamente, nu' ne posso più!
Quanno volavo io! Vedevo er monno!
M'avvicinavo ar sole! Invece, adesso,
così incastrata come m'hanno messo,
che voi che veda? l'ossa de tu' nonno?
Quanno provo a volà trovo un intoppo,
più su d'un metro nun arivo mai... —
La Lupa disse: — È un volo basso assai,
ma pe' l'idee moderne è puro troppo!
È mejo che t'accucci e stai tranquilla:
nun c'è che l'animale forastiere
che viè trattato come un cavajere
e se gode la pacchia d'una villa!
L'urtimo Pappagallo de la Mecca,
appena ariva qua, se mette in mostra,
arza le penne e dice: Roma nostra...
E quer che trova becca.
Viva dunque la Scimmia der Brasile!
Viva la Sorca isterica
che ariva da l'America!
Noj antri? Semo bestie da cortile.
Pur'io, va' là, ciò fatto un ber guadagno
a fa' da balia a Romolo! Accicoria!
Se avessi da rifà la stessa storia
invece d'allattallo me lo magno!

1911


UN RE SENZA PENNACCHIO

Ecco come annò er fatto. Sur programma
der teatrino de li burattini
c'era stampato er titolo d'un dramma:
«Pistacchio quinto, Re de li Quatrini».
Ma, sur più bello ch'er burattinar
principiava la recita, s'accorse
ch'er pennacchio der Re nun c'era più.
Cerca de qua e de là,
cerca de su e de giù
fintanto che ricorse a un macchiavello.
E er macchiavello fu
de fa' intravede un pezzo de vestiario
dietro le quinte, in fonno a lo scenario,
come se Re Pistacchio fusse quello.

E defatti la recita annò bene.
Er primo a comparì fu Pantalone
che stava fra li tribboli e le pene;
er pubbrico se mosse a compassione,
ma er Re rimase sempre fra le scene.
Poi venne Stentarello tra du' Fate:
— Questa — disse — è la Scenza e questa è l'Arte
ch'hanno bisogno d'esse incoraggiate... —
Ma er Re rimase sempre da una parte.
Er seconn'atto pure piacque assai:
prima ce fu la guerra co' li Mori
e er Re nun uscì mai,
ma poi ce fu la pace e er Re, contento,
rimase sempre drento.
Quanno l'eroi de le battaje vinte
fecero la sfilata trionfale,
er popolo strillò: — Viva Pistacchio! —
Sperava forse de vedé er pennacchio,
ma er Re rimase sempre fra le quinte.
Tanto che l'impresario
calò er sipario, e disse: — Un Re prudente
è sempre un personaggio necessario
puro ner caso che nun serva a gnente.



LI PENSIERI DELL'ARBERI

Tutti li giorni, ammalappena er sole
cala de dietro a le montagne d'oro,
le piante se confideno fra loro
un sacco de pensieri e de parole.

L'Arbero de Castagne,
aripensanno ar tempo ch'era verde,
perde le foje e piagne;
e dice: — Addio, compagne!
V'aricordate più quanno 'st'estate
riparavamo lo sbaciucchiamento
de tutte quele coppie innammorate?
A primavera, quanno rinverdisco,
ritorneranno a fa' le stesse scene...
Ma, però, se voranno ancora bene?
Nun ve lo garantisco... —

L'Alloro dice: — Poveretti noi!
Dove so' annati queli tempi belli
quanno servivo a incorona l'eroi?
Ormai lavoro pe' li fegatelli:
o ar più per intreccià quarche corona
su la fronte sudata d'un podista
ch'ha vinto er premio de la Maratona!
Oggi tutta la stima
è per chi ariva prima...

— A me me butta bene! — pensa er Fico —
Io, co' le foje mie,
copro le porcherie de le persone...
Che lavoro che c'è! Quanto fatico!
Nun faccio in tempo a fa' la spedizzione!



LA VIPERA

Un povero Villano,
mentre tajava er grano,
s'accorse che una Vipera agguattata
stava pe' daje un mozzico a la mano.
— Ah — dice — t'annisconni, brutta boja!
Ma se t'abbasta l'anima esci fòra:
te fo passà la voja
d'avvelena la gente che lavora!

— Eh sì! — je fece lei — Se dice presto!
Io, da che monno è monno,
non ho fatto che questo:
ho sempre mozzicato
cór dente avvelenato.
Pretenneressi che buttassi via
tutta la tradizzione d'un passato
ch'è er solo scopo de la vita mia?
Io so' tutta d'un pezzo, capirai,
e nun aggisco come la ciriola
che s'arimagna sempre la parola
e s'è fatta la nomina che sai...
— Grazzie, ne faccio a meno:
— je disse l'Omo — l'opignoni tue
sèrveno solo a sparpajà er veleno;
sarai tutta d'un pezzo, lo capisco,
ma preferisco de spezzatte in due... —
E detto fatto la spaccò a metà.

E fu una botta propio necessaria,
che d'allora la Vipera fu vista
cór pezzo de la coda riformista
e la capoccia rivoluzzionaria.

1912

 

L'INCONTRO DE LI SOVRANI

Bandiere e banderole,
penne e pennacchi ar vento,
un luccichio d'argento
de bajonette ar sole,
e in mezzo a le fanfare
spara er cannone e pare
che t'arimbombi drento.
Ched'è? chi se festeggia?
È un Re che, in mezzo ar mare,
su la fregata reggia
riceve un antro Re.
Ecco che se l'abbraccica,
ecco che lo sbaciucchia;
zitto, che adesso parleno...
— Stai bene? — Grazzie. E te?
e la Reggina? — Allatta.
— E er Principino? — Succhia.
— E er popolo? — Se gratta.
— E er resto? — Va da sé...
— Benissimo! — Benone!
La Patria sta stranquilla;
annamo a colazzione... —

E er popolo lontano,
rimasto su la riva,
magna le nocchie e strilla
— Evviva, evviva, evviva… —
E guarda la fregata
sur mare che sfavilla.

dicembre 1908



ER PRANZO DE L'ALLEATI

Du' Sovrani alleati
fecero un pranzo a Corte
pe' festeggià l'unione fra du' popoli
che s'odiaveno a morte.

Ècchete che a l'arosto,
doppo avé fatto er solito saluto,
er Re invitato se sentì indisposto;
dice: — M'ha fatto male
quell'unico bicchiere ch'ho bevuto:
nun capisco perché, me s'è rimposto...
— Eh, sfido che je gira la capoccia!
— je disse uno der seguito — È successo
ch'er Ministro dell'Esteri j'ha messo
la birra e er vino ne l'istessa boccia
per augurà che puro li du' popoli
s'unìschino lo stesso...
— Ma la birra de Vienna,
cór vino de Frascati,
c'entra come li cavoli a merenna!
— je rispose er Sovrano — È un'alleanza
che fa male a la panza!
Finché scherzamo co' li sentimenti
potemo annà d'accordo in tutto quanto:
ma scherza co' lo stommico... Accidenti!
Me ne buggero tanto! —

Er Re s'arzò da tavola stranito,
poi, pe' fortuna, ritornò tranquillo:
e er pranzo, manco a dillo,
venne... restituito.

1909

 

ER MONUMENTO

Un Cavallo, parlanno cór Leone,
je disse: — Quanno fanno un monumento
per onorà l'Eroe d'una nazzione,
io sto per aria in cima ar basamento
e tu stai sempre giù pe' guarnizzione... —

Er Leone rispose: — E se domani
l'Eroe se scoccia e scegne da cavallo,
povero amico mio, come rimani?
chi te difenne da li ciarlatani
arampicati intorno ar piedistallo?