Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

LIBBRO MUTO

Ner mobbiletto antico, che comprai
tant'anni fa da un antiquario in Ghetto,
c'era, sott'a la tavola, un cassetto
che tira tira nun s'apriva mai:
finché scoprii er segreto e fu una sera
che nun volenno spinsi una cerniera.

Subbito, da la parte de l'intacco,
la tavoletta fece un mezzo giro
e er cassetto s'aprì con un sospiro
ch'odorava de pepe e de tabbacco.
Guardai ner fonno e viddi in un incastro
un libbro intorcinato con un nastro.

Un libbro rosso rilegato in pelle
dove spiccava, tra li freggi d'oro,
un'arma gentilizzia con un toro
e un mago che giocava co' tre stelle:
e, sott'all'arma, er titolo in cornice:
«La Regola per vivere felice».

— Dati li tempi, — dissi — è una fortuna! —
Ma in tutt'er libbro nun trovai nemmanco
una parola scritta. Tutto bianco.
Riguardai le facciate, una per una:
zero via zero. E chi sarà er sapiente
che fece un libbro senza scrive gnente?

L'avrà lasciato in bianco co' l'idea
de minchionà la gente che lo sfoja,
o avrà capito che la vera gioja
finisce ner momento che se crea?
Era un matto o un filosofo? Chissà
come sognava la felicità?


CERIMONIA

Ce semo. Tra un minuto scopriranno
er busto der filosofo ch'aspetta,
in mezzo a la piazzetta,
coperto con un panno:
(se ne vede una fetta).

Gente, bandiere, musiche
e tutta quanta un'allegria de sole.
Silenzio! Fermi! Arriva l'onorevole.
Dirà poche parole.

— Cittadini! Quer marmo che ricorda
l'illustre Marco Mappa... — E ar punto giusto
squilla la tromba, tireno la corda,
er panno casca e comparisce er busto.

— Uh! quanto è buffo! — Pare Purcinella...
— Perché ce l'hanno messo?... — E chi lo sa?
— Era un gran genio. — Nun discuto, ma...
me ce piaceva più la fontanella. —

Finita ch'è la festa e la cagnara,
la folla se sparpaja e nun rimane
che Marco Mappa, solo come un cane,
infregnato ner marmo de Carrara.


GIARDINO

Da quanno su' Eminenza er Cardinale
comprò er giardino e lo lasciò ar convento
c'è stato un cambiamento generale.
Da quer momento, addio, poveri fiori!
L'insalatina ha preso er sopravvento
incoraggiata da li pomodori.

Sur piedistallo stesso,
dove spiccava un satiro de pietra
che sonava la cetra
tutt'inverdito da l'ummidità,
li fraticelli cianno messo un busto
der Cardinale in gesso,
che ce va giusto giusto:
e in mezzo a la verdura
fa una certa figura.

D'allora in poi nessuno ve raccoje,
povere margherite abbandonate!
Ma che je fa? Le coppie innamorate,
che un tempo ve strappaveno le foje,
so' passate de moda. Pure er core
attraversa la crisi de l'amore.


LE PAROLE INUTILI

Er Pappagallo, tutto soddisfatto
magna un biscotto silenziosamente.
— Perché nun parli mai? —je chiede un Gatto —
Com'è che nun t'insegneno a di' gnente?
S'io fossi quer che sei
quarche parola me l'imparerei. —
Er Pappagallo cór ciuffetto dritto
spalanca l'ale e se le sgrulla ar sole;
poi dice ar Gatto: — Più che le parole,
ho imparato a sta' zitto.
È inutile che insisti. Addio, Miciotto! —
E se rimette a rosicà er biscotto.


LA GLORIA

Una notte d'estate m'insognai
de trovamme in un tempio, sopr'a un monte,
dove la Gloria me baciava in fronte
co' tanta forza che me ce svejai.

E feci propio bene: se per caso
nun spalancavo l'occhi ar punto giusto,
la vespa, che ciaveva preso gusto,
me dava un antro pizzico sur naso.


SENSIBILITÀ

A la Gallina, povera bestiola,
j'hanno ammazzato er Pollo. Un vecchio Gatto,
che s'è trovato ar fatto,
je porta la notizzia e la consola:
— Nun ha fiatato, nun ha detto un'a!
Da sì che monno è monno, nessun pollo
s'è fatto tirà er collo
co' tanta dignità. —

La vedova sospira e se commove:
— Chi è stato? er coco? Sempre quel'infame!
E dove me l'ha cotto? — Ner tegame,
co' le patate nove...
— Come mi' padre! Puro lui, 'st'inverno,
finì sopra un bracere de carbone,
che pareva un inferno...
— Macché: —je dice er Gatto — er mi' padrone
cià la cucina a gasse. E che cucina!
— Mbè, meno male — fiotta la Gallina —
che armeno j'hanno usato 'st'attenzione.


BONSENSO PRATICO

Quanno, de notte, sparsero la voce
che un Fantasma girava sur castello,
tutta la folla corse e, ner vedello,
cascò in ginocchio co' le braccia in croce.
Ma un vecchio restò in piedi, e francamente
voleva dije che nun c'era gnente.
Poi ripensò: «Sarebbe una pazzia.
Io, senza dubbio, vedo ch'è un lenzolo:
ma, più che di' la verità da solo,
preferisco sbajamme in compagnia.
Dunque è un Fantasma, senza discussione».
E pure lui se mise a pecorone.


LA PAURA

Un Sorcio, trasportato in un deserto
drento ar bagajo d'una carovana,
a mezzanotte se n'uscì a l'aperto;
ma un'ombra, che sbucava da una tana,
lo fece insospettì d'esse scoperto.

— Chi va là? — chiese er Sorcio. Detto fatto
un ruggito rispose: — So' un Leone.
Che te spaventi a fa'? Diventi matto?
— Uh! — dice — scusa! È stata l'apprensione
perché t'avevo preso per un gatto.