Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

Zanazzo Giggi nacque a Roma, in via dei Delfini 5, il 31 gennaio 1860 e vi morì il 13 dicembre 1911. Poeta e commediografo di stampo belliano, affermava che la poesia dialettale non poteva vivere fuori dalla tradizione popolare, né tantomeno rappresentare fatti che non corrispondevano alla realtà. A tal proposito fu autore della famosa opera "Usi, costumi e pregiudizi del popolo di Roma", una preziosa documentazione di studi e ricerche fondamentali del patrimonio culturale romano. Con il suo lavoro ha contribuito alla conoscenza del popolo di Roma e delle sue tradizioni, ispirandosi a modelli popolari realmente vissuti, grazie alla sua notevole capacità di cogliere il particolare rappresentato dalla vita quotidiana: è considerato, insieme a Francesco Sabatini, il padre fondatore della romanistica. Con la moglie, nonché compagna di lavoro, Agnese Bianchini, fondò la compagnia teatrale denominata "Compagnia Romanesca", coadiuvato dall'attore e poeta Pippo Tamburri. La compagnia recitava al Teatro Rossini e portò al successo molte commedie, tra le quali qualcuna scritta dallo stesso Zanazzo, come l'operetta "Li Maganzesi a Roma", messa in scena il 1° ottobre 1882 per le musiche del maestro  Mascetti, o l'esilarante "Pippetto ha fatto sega a scòla", interpretata dall'incontenibile Oreste Capotondi. Tra le sue opere ricordiamo "Proverbi romaneschi" (1886), "Ritornelli romaneschi" (1888), "Novelle favole e leggende romanesche" (1907) ed il sopracitato "Usi, costumi e pregiudizi del popolo di Roma" (1908).