Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

SAGGIO DI VECCHIE PAROLE DEL GERGO ROMANESCO DEI BIRBI.

Accidente a ffreddo: Coltellata.
Affogà’: Affogare una cosa: venderla a vil prezzo. Affogà’ una figlia: maritarla in malo modo.
Aggrippa: Gendarmi.
Agrèsta (Sugo de l’): Vino.
Agnusdèo: Orologio.
Alèffe: Uno: dall’ebraico Aleph.
Allancato: Affamato.
Allumà’: Vedere, osservare.
Allungà’ la vita: Essere appiccato.
Amico: Spia.
Amido (Esse all’): Essere in bolletta.
Ancinèllo: Attaccabrighe.
Anima de miccio: Anima dannata, condannata alla morte.
Arbergo de la stella: Dormire all’Albergo, ecc. Vale dormire all’aperto.
Ardia (Stà all’): Vivere in miseria.
Arzà’: Alzare un orologio, o qualsiasi cosa, vale rubarla.
Arzà’ la stella: Fare la spia.
Azzicà’: Uccellare, adescare.
Babbio: Viso.
Bagarozzi-o: Preti.
Balla: Congrèga.
Barbante: Mento.
Barbétta: Cristo.
Bastonà’: Bastonare un oggetto, vale venderlo, disfarsene a vil prezzo.
Bécce: Stare alle bbécce vale essere in miseria.
Bèlli (Li): Gendarmi, carabinieri.
Bérgi: Soldi, denaro in genere.
Bèrta: Tasca.
Bianca (Farla): Far fiasco.
Bianca la noce!: Far fiasco in segno sconcio. Grida del venditore di noci.
Bicchiere: Ano. Farsi arrotà’ er bicchiere, vale.....
Bigónzi: Calzoni.
Birba (Annà’ in): Andare in pessima compagnia.
Bobba: Minestra dei carcerati.
Bojerie: Manette.
Bombè: Ano.
Bôvo: Orologio.
Bracchi: Birri.
Brillanti: Ulceri veneree.
Bucio dell’allegria: Ano.
Budriè: Ano.
Bujacca: Minestra dei carcerati.
Bujaccaro: Minestraro, venditore di bujacca.
Bujósa: Carcere.
Buritone-i: Bugia, bugie.
Cacapane: Ano.
Cacàsse sótto: Confessare ogni cosa.
Cacóna: Sbornia.
Cajostra (La): Carcere di Castel Sant’Angelo.
Cammerino (Esse de): Essere impotente; poichè Camerino è, dicesi in Roma, il paese da cui vengono i Mosciarellari, ossia i venditori di castagne secche.
Campane: Orecchie.
Campana: spia.
Canizza: Astio, ruggine.
Cantà’: Rivelare, confessare.
Capézza: Catena d’oro o d’argento. Bovo co’ la capézza significa: orologio e catena.
Canta-cèchi: Soldi.
Carcio-farzo: Tradimento, tranèllo.
Carcósa: Strada.
Carcóse: Scarpe.
Carnènte: Fratello o sorella: E mi’ carnente. La mi’ carnente.
Catapèzzo: Giovanotto robusto, ragazzone.
Caténa d’argènto: Gonorrea.
Catòrbia: Carcere, prigione.
Cavèrna: Osteria, o altro luogo di riunione.
Cera de grano: Sterco umano.
Chiccheróne: Ano.
Chirica rasa: Capo-mózzo.
Ciampanèlla: Frode.
Ciancicóne: Chi mangia a carico della moglie o di altra donna sua amante.
Ciufèca: Vino cattivo.
Coccolà’: Lusingare, carezzare.
Còfeno: Cappello.
Còla: Spia.
Commare sécca: La Morte.
Confettà’: Adulare.
Corier de córte: Spia.
Corvatta: Capéstro, laccio.
Corvattaro: Boja, ed ora vale anche strozzino, ossia colui che impresta danaro ad usura.
Cotógno: Capo.
Craparéccia: Luogo spregevole come anche chi lo abitava. Vicolo che sta in via Panisperna.
Cresceccàla: Pene.
Cristo-tignóso: Monte di Pietà.
Cuccio: Cane.
Dar l’asso: Adulare.
Dègheta (Far): Fare fiasco.
Dron-dron: Bagascia.
Drondróna: Idem.
Est-locanna: Stare all’Est-locanda: non avere un soldo.
Fa’ ll’ovo: Far dono.
Famosa: Barba.
Fangóse: Scarpe.
Fasullo-a: Falso-a.
Fava: Mento.
Fèsta (Far la): Vale uccidere qualcuno.
Fiaccolétta: Inganno.
Fiandra: Furba.
Fiòcco: Ano, naso.
Fischiétto: Fanciullo.
Fóngo: Cappéllo.
Frasca: Citazione.
Frittèlla: Berretta.
Fritto-bianco: Cervello.
Frociante: Naso.
Fròcio: Tedesco, inglese e qualunque straniero in genere.
Furèllo: Ano.
Furone: Di soppiatto.
Fuso: Coltello.
Galantini: Birri. Da certo Galanti, loro capo.
Galla: Detto di donna vale: civetta.
Gattaccia (annà in). Andare di notte con femmine perdute.
Gattarola: Carcere.
Gatto: Ladro.
Gavétta: Congrega. Essere della tal gavetta, essere o appartenere a tal setta, ecc.
Ghèghene: Ano.
Ghignante: Viso.
Ghìnga: Vino.
Giorgio: Spia.
Gnèsa: No: non è vero.
Gnòcchi: Quattrini, scudi.
Gnocco: Semplice.
Grancio: Ladro.
Granfie: Mani, artigli.
Griffà’: Dar di griffo: mettere le unghie adosso.
Gòffo (Fa’): Far saltare il banco al giuoco.
Graffióna: Donna graffióna: formósa di carni sode.
Grinza: Fronte.
Imbertà’: Intascare.
Incarca-sérci: Poliziotti.
Incastro: Intrigo, impiccio.
Incatramà’: Scoprire, essere colti in fallo.
Incornasse: Ostinarsi.
Ingroppato: Ricco.
Jod-bedòdde: Poliziotti e soldati in genere.
Lanterne: Occhi.
Lanca: Fame.
Lappa: Furbo.
Lettra-cèca: Lettera anonima.
Lombétto: Ladruncolo.
Lumaca: Orologio.
Macchiavèllo: Tradimento, azione indegna, ecc.
Magnà’ ddar culo e cacà’ da la bbócca: Fare la spia.
Magnaccia: Colui che vive alle spalle delle prostitute.
Magna-fregna: Colui che vive dei guadagni illeciti della propria moglie.
Magòga: Affollamento.
Majoréngo: Il capo carcerato.
Mallòppo: La refurtiva.
Marro: Uomo rozzo, quasi selvaggio.
Marrocca: Spia.
Martino: Coltello.
Maruame: E anche Maruano: Marcio.
Maschiétti: Ginocchi.
Mastramucci: Stravaganze.
Mastro Titta: Il boia.
Minósa: Spia.
Micio: Ladro.
Mòrto (er): Danaro o anche la refurtiva.
Mosciarellaro: Impotente.
Mucina-ricotta: Vedi: Magnaccia o simili.
Mucinèlla: Idem.
Muntuvàre: Tincone.
Musica: Giudizio, discernimento.
Navigato: Imbirbito, malizioso, capace, esperto.
Nghïppi: Debiti.
Occhi de ciovetta: Monete d’oro.
Otto, ch’er gatto incaja!: Attenti alle guardie! Grido d’allarme.
Orloggi: Tinconi.
Orto bbottanico: Ano.
Paesàno: Spia.
Pagòzzo: Dare il pagozzo, vale: menare di bastone o di coltello.
Pajariccio: Cipolla cotta al forno.
Pappio: Portafogli.
Panzanèra: Bècero, birba, collèga.
Passante: Anello d’oro.
Pastròcchia: Bugìa.
Perfidi (li): I Birri.
Pietro (Er): Mantello.
Pìfero: Spia.
Pila (stare in): Aver danaro.
Pistolfo: Servo in livrea.
Pollanca-chèlla: Ragazza avvenente.
Pórzo (Tastata de): Richiesta di danaro.
Puncicà’: Accoltellare.
Puncicata: Coltellata.
Pulenta: Gonorrea.
Puzzolana: Moneta.
Rampazzo (fà e’): Essere appiccato.
Rampinà’: Rubare.
Ramaccià’: Idem.
Re Ppipino: Pidocchio.
Rifuggio: Asilo, immunità.
Rogna: Contesa.
Rondinèlla: Lettera che di trafugo ricevono i carcerati.
Ròspo: Segreto.
Rôte (le): I piedi.
Ruspanti: Polli, galline e simili.
Ruzzica (Tirà’ la): Fare la spia.
Sartarelli: Danari.
Sarza de S. Bernardo: Fame.
Sbacì’: Morire.
Sbarratura: Cinto.
Sbattuta-o: Una cosa sbattuta vale: rubata.
Sbiancato: Colto in fallo.
Scaja: Barba di più mesi: incolta.
Schertri: Gendarmi: a cagione degli alamari bianchi che avevano sul petto.
Schiccherà’: Ingoiare.
Sciatto: Affollamento, moltitudine di gente.
Scòrza: Abito, veste.
Scirpà’: Scirpare o fa’ scirpa: rubare con lestezza e poi fuggire.
Scorticà’: Confessare.
Scórtico: Lupanare.
Scróppióni: Falli, delitti.
Sécco (fa’): Vale uccidere uno sul colpo.
Sédici (Er-ar): Colui, quel tale, a colui, ecc.
Sgamà’: Osservare, vedere.
Sgamuffà’: Osservare, guardare.
Sgarro: Ferita mortale.
Sghìcia: Sterco umano.
Sguinzàjo: Coltello.
Soffià’: Fare la spia.
Soffione: Spia.
Spago: Paura.
Spazzacampagna: Trombone adoprato dai Briganti.
Spazzacampagne: Briganti.
Spicchio d’ajo: Mannaja.
Spónga: Chi beve molto vino.
Sporverà’ qualcuno: Spolverà’ le spalle a qualcuno vale: bastonarlo.
Sottogamma: Nascostamente, si dice anche: Sottocappotto.
Staffétta: Spia.
Strozzo: Regalo.
Suarfa: Papa.
Svagà’: Osservare.
Tàccolo: Imbroglio, briga, sospetto.
Taffià’: Mangiare.
Tafo: cibo.
Tajacozzo (Annà a): Essere operato, subire operazione, ecc.
Tappo: Mantello.
Tetto (er): Il cappello.
Tièlle: Scarpe.
Tirà’ de micia: Rubare.
Tirà’ er piommo: Provare una tal cosa.
Tirà’ la ruzzica: Fare la spia.
Tonnina (fa): Tagliare a pezzi.
Torta: Verità. Scoprì la torta, scoprir la verità.
Traghétto: Tenebroso commercio di amore o d’altro.
Tricche-Tràcchete: Cervello.
Trombétta: Spia.
Trottata-to: Maliziosa, malizioso.
Vappo: Guappo, smargiasso.
Vasco: Signore.
Verbum-caro: Ano.
Verdacchia: Miseria.
Vicolo de li tozzi: Gorgozzule.
Villa Poveròmmini: Orto botanico sul Celio.
Vìtèlla (Condannato una): Essere condannato una vitélla vale essere condannato a vita.
Zaffi: Birri.
Zagnotta: Bagascia.
Zarlatta: Idem.
Zéppi: Mani.
Zéppo: Re.
Zòccoli: Piedi.

GERGO DEI NUMERI DEI “BAGARINI„ O MONOPOLISTI DI COMMESTIBILI, PESCIVENDE, ECC.

Alèffe o Ninétto: Uno. Dall’ebraico Aleph: uno.
Bèdene: Due. Dall’ebraico Beth: due.
Bèdene-vaghézzi: Due soldi e mezzo. Dall’ebraico Va-chezî: mezzo.
Ghìmene: Tre. Dall’ebraico Ghimel: tre.
Ghìmeme-vaghézzi: Tre e mezzo. Dal vernacolo ebraico: Va-chezî: mezzo.
Arbano: Quattro.
Camìcia: Cinque.
Cicia: Sei.
Cingà: Sette.
Cimóne: Otto.
Novèna: Nove.
Fiori o fioràna: Dieci. Ora per dire dieci si dice anche Un déto e nel dir così si mostra all’incantatore il póllice.

PICCOLO SAGGIO DEL GERGO DEI MERCIAI DI ROMA.

Lebbo: Bello.
Trubbo: Brutto.
Pachelo o Palecco: Cappello.
Sparche: Scarpe.
Nami: Mani.
Sumo: Muso.
Sivo: Viso.
Tracavva: Cravatta.
Un cranfo e zemmo: Un franco e mezzo.
Raquanta rile: Quaranta lire.
Glipa, ecc: Piglia, ecc.
Tiè chiodo loque: Tien d’occhi quello.
Daba che bura, ecc: Bada che ruba, ecc.
Alcuni invece intercalano ogni sillaba delle parole con un vi, con un ti, ecc. Per esempio, per dire: Bada che ruba, diranno: Vibavidavi che viruvibavi, ecc.
Un suonatore di teatro, un musicante, ad esempio, per dire che sta in bolletta, dirà ai suoi colleghi: Sto ssénza chiave in do o anche: Nu’ stanzia pila in berta.
Un vetturino o cocchiere, per dire a un suo collega che ha più debiti che crediti, dirà: So’ più lladri che sbirri.
Un macellaio per non far capire a’ suoi avventori che il tal pezzo di carne va in malora o puzza dirà col suo garzone di bottega, per esempio: Quel lòmbo va da Meo, o anche: va da Mariòtti. E così di seguito.
Un ebanista, un falegname romano, parlando di un mobile qualsiasi, poco solido, mal costruito, vi dirà: è un marangòne.
Per la ragione, che molti anni or sono in Roma un certo Marangoni, ebanista, costruiva dei mobili da poco prezzo, i quali non essendo fatti secondo le regole dell’arte, erano dai conoscitori male giudicati. Quindi d’allora, per i falegnami, ogni mobile male costruito è un marangone.

PAROLE DEL GERGO EBRAICO-VERNACOLO USATE ANCHE DAL POPOLO DI ROMA.

Aèo: Antico grido degli stracciaroli ebrei. Ora una cosa aéa o un oggetto aéo significa: è troppo logoro, vecchio: è troppo aéo!
Achipudium: Ultimo giorno del digiuno.
Asseredda jema tessuvà: Dieci giorni penitenziali.
Atanaï, atanaï: Buon Dio: dall’ebraico: Adonai.
Azzicaromme: Commemorazione.
Badanai: Interiezione: dall’ebraico Badonai, perdio!
Baragaìmme: Andare a Baragaìmm: andarsene all’altro mondo.
Baruccabbà: Baruch-abba: Benvenuto.
Bèdene: Due.
Bèdene-vaghèzzi: Due e mezzo.
Beferìmme: Un paolo, mezza lira.
Boccanéra: Schioppo, fucile.
Cacàmme: Dall’ebraico haham: dotto, sapiente. Il rabbino maggiore.
Caccadià caccadià: Meditazione, preghiera.
Cachèmme: Chiacchierone, millantatore.
Calamisvà: Trasporto funebre, mortorio.
Callà: La promessa sposa.
Cascerro-a: Puro, bello, integro.
Caurimmi: Tomba.
Càzzemod: Ripieno del pollo, interiori.
Chènne: Sì.
Chipur, Chipurimme: Digiuno della festa del Kipur.
Chiùso: Cristiano. Chiuso: perchè non circonciso.
Ciavàrro (È): Non è maturo e dicesi di frutto o d’altro.
Colaìmme: Da kolaim: morbo, infermità: gonorrea.
Cristianìa: Cristiani in genere. Allorchè noi si andava nel ghètto, ci dicevano: Ecco la Cristiania!
Cugnàtemo: Mio cognato; Cugnàteto: tuo cognato, ecc.
Dainà: Natura.
Debire: Tabernacolo.
De-monà: Scelti, educati, di garbo.
Devarimme: Bugia.
Fràte-i: Fratello, fratelli.
Fràtemo-eto: Mio fratello, tuo fratello.
Fijemo-eto: Mio figlio; fijeto: tuo figlio.
Gannavìmme: Ladro.
Gazzìmme (A): Fare parti eguali, dividersi il guadagno, ecc. Tanto a testa.
Ghèrca: Ricavato della vendita di stoffe fuori uso.
Ghìmene: Tre: dall’ebraico Ghìmel.
Ghìmene-vaghèzzi. Tre e mezzo: Ghìmel va-chezî.
Ghinìmmi: Pidocchi.
Gnóra-e (La o Lo). Lo gnóre, la gnóra: il signore, la signora.
Goi: Cristiani.
Iacodimmi: Ebrei, che si chiamano anche Bacurri, Sciabbadai.
Iciagnà: Cesare.
Ingainà’-ate: Guardare; guardate; osservate.
Ingannavià: Rubare.
Ingavuscìmme: Prigione.
Inghiverìmme: Isdraelita.
Jod bedoddi: Guardie e soldati in genere.
Iom: Giorno.
Lammèdde (Fa): Sta zitto, fa silenzio.
Machêlle: Micco, sciocco, merlo, ecc.
Macòmme: Cesso.
Madétt’a ddio: Maledetto, ecc.
Màdrèma-èta: Mia madre, tua madre.
Malàcche: Buono.
Malachìmme: Buon Dio.
Malòri e malagùri: Imprecazioni.
Marolìmme: Oggetto fuori d’uso, fuori moda.
Mengòti: Soldi, quattrini.
Monghêdde: Scontento, permaloso, ecc.
Mónghi: Strónzi.
Mònna: Madonna, signora.
Mònna Callà so’ ffatti li bbottoni?: Sora spósa, so’ fatti li bbottoni? — si diceva per ischerzo alle israelite.
Mór di vói: Per amore di voi, per amor vostro, ecc.
Nghiìppi: Debiti.
Pèsechi (li Santi): La Santa Pasqua.
Picciurèllo: Pène.
Pinne, cânne e colaimme: Tre infermità, morbi, malattie veneree.
Purìmme: Festa religiosa.
Risciùdde (Fa): Váttene, toglimiti d’innanzi!
Robbivécchi o Rabbivécchi!: Grido dei cenciaioli isdraeliti.
Scalandrina: Natura
Sciabbà: Sabato, festa. Famo sciabbà: famo allegria.
Sciamanno: Il candido manto che il Rabbino si mette sul capo allorchè legge la Bibbia.
Sciammòddi: Numeri del lotto.
Sciammlamòr: Libro de’ conti, registro dei debitori.
Sciattino: Uccisore legale delle bestie da macello per gli israeliti.
Scimini-vaghézzi: Un centesimo e mèzzo.
Scìmme-scìmme: Vendere scìmme-scìmme: a vil prezzo.
Sciofare: Tromba.
Scioscianìmme: Mammelle.
Sciurio (Lo): Vino.
Sefèrimme (Li santi): Angeli celesti.
Sefro-Attrà-còlice: L’Eterno Padre.
Sòrèma-èta: Mia sorella, tua sorella.
Sor-tavàrro: No.
Tarèffe: Impuro, cattivo, fallace.
Talèdde: Vedi: Sciamanno.
Talmúdde: La Bibbia.
Talmuldurà: Congregazione.
Tavarimmi: Ciarle.
Zachìmme: Coltello.
Zaghènne: Brutta, vecchia, malfatta.
Zagurri: Quattrini, ma credo anche soldati.
Zainà: Bagascia.
Zimmèlli: Azzimèlle, pane àzzimo.

GIURAMENTI E IMPRECAZIONI IN EBRAICO-VERNACOLO.

Pe’ vvita mia!
Nun siate vedovo.
Nun siate ammazzato
Mor di voi!
Te sii magagnato lo mazzallo, lo core e lo cervello!
Che ppozzi fa’ la morte de Barucca che ccascò da lo quinto piano! Ammènne.
Pozzi appiccià’ lo lume!
Pozzi cascà’ ppe’ li scali co’ le mane in saccoccia!
Pozzi penà’ e ffà ppenà’: sta’ ccent’anni su’ ’na ssedia e ccammannà’!
Chi da lo chiuso guarda machèmmi-vo. Lo dicevano incontrando un cristiano; e presso a poco significava: Male incolga al primo cristiano che incontro.
Segno di croce degli israeliti secondo i cristiani: In nome di Baruccabbà, sempre pe’ rubbà’; mai pe’ restituì, e ppe’ fregà’ lo cristiano. Ammènne.

PAROLE LATINE USATE DAI ROMANI.

Abbemus: Abbiamo.
Abbeterno: Ab eterno.
Agnusdeo: Reliquia di cera impastata con terra bagnata dal sangue de’ Martiri.
Alleluia: Aleluja.
Ammènne: Amen.
Aspèrgese: Aspèrges.
Buccolica: Da bocca.
Capomunni: Caput mundi.
Crielèisònne: Kyrie eleison.
Culibusmunni: Culibus mundi: in capo al mondo, lontanissimo.
Cumquibbo: Cum-quibus, il danaro.
Dïasilla: Dies-illa.
Ecce-Homo-a: Dicesi anche è un ecce-oma, parlando di donna.
Enfitemisi, Infitemise : Enfiteusi.
Estelocanna: Est-locanda, scritto sui locali d’affittare.
Este-Este: Dicesi del vino buono: este-este!
Facche et refacche : Fac et refac: render la pariglia.
Fiàtte: Fiat.
Fregante-crimise: Flagrante-crimini.
Grolia in cerssiddèo: Gloria in excelsis Deo.
Quo dìchise dìchise: Quel che ho detto ho detto.
In àrticolo mortis: In articulo mortis.
In àrtise: In artis.
In prìmise: In primis.
Ippisi-fatto: Ipso-facto.
Jura, de jura: Di diritto: De jure.
Jeso, Jesusmaria!: Gesù, ecc.
Libberamus domminè: Libera nos Domine.
Murtossanno: Ad multos annos.
Nun piusurtra: Non plus ultra.
Nunchettinòra: Et nunc et in hora, ecc.
Nun pòzzumus: Dal famoso Non possumus di Pio IX rimasto celebre.
Ora-provè: Ora pro eo.
Ora-promè: Idem.
Ora-cèrta: Horâ certâ.
Pandecèlo: Panem de coelo.
Pèdibbus (A): Ad pedes.
Perquirato: Perquiratur.
Pràgase: Plagas.
Pròsite: Prosit.
Protoquamquero-a: Proto-quamquam.
Quonia (Ar): Al Quoniam.
Santificèta-o: Santificetur, uomo pio.
Sanatòto: Sana-totum.
Schizzo-fatto: Ipso facto.
Seguenzia santi vangèli: Star a digiuno: Sequentia Sancti, ecc.
Sicutt’era t’in principio nun che ppeggio: Sicut erat in, ecc.
Sambruto: Ex-abrupto.
Semprigrazia: Exempli gratia.
Ùrbise et òrbise: Urbis et Orbis.
Verbum caro: Il deretano.
Viampàcise: Ce scappa er viampàcise, vale: ci scappano le busse. Viam pacis.

FRANCESISMI IN USO NEL NOSTRO DIALETTO.

Alò: Allons.
Ammusà’: Amuser.
Andriè: Andriènne.
A-quer-mifó: Comme il faut.
Argianfettù: L’argent fait tout.
Bidè: Bidet.
Bignè: Bignet.
Bombè: Bombet.
Bonè: Bonet.
Burrò: Bureau: ufficio.
Bordacchè: Brodequins.
Brolocco; berlocco: Breloque.
Biggiù: Bijou,
Buffè: Buffet.
Carmagnòla: Carmagnole.
Chènchè: Quinquet: lume a olio.
Ciappa-e: Chape.
Commò: Comode.
Crompan-pà: Comprende pas.
Cormifò: Comme il faut.
Corsè: Corset.
Consumè: Consommé.
Culì: Culis: sugo passato.
Decretone: Decroteur: Lustrascarpe.
Desabbigliè: Deshabillé.
Diggiunè: Déjeuner.
Etaggè: Etagère.
Frufrù: Frou—frou.
Gargante: Gargantua.
Gargottara: Gargotte.
Giaccò: Jagò.
Gilè: Gilet.
Gianfutre: Jean foutre.
Inciarmà’: Charmer.
Landavo: Landau.
Mammà: Maman.
Marcià’: Marcher.
Mondié!: Mon Dieu de la Franse che de l’Italì vu n’ette pas bbon. Questa frase si dice intiera.
Muère: Amuerre.
Muntuvare: Montoir.
Musiù o Munzù: Meusieur.
Nneppà: N’est-pas?
Padedù: Pas-de-deux.
Pappiè: Papier.
Poncio: Punch.
Ragù: Ragù.
Redrè: Retrait.
Sacchesorètte: Oriuoli d’Isaac Soret.
Sóffióne: Soufleur.
Spappiè’: Vedi: Pappiè.
Sciarmante: Charmant.
Supprì: Suplis.
Surtù: Surtout.
Tamanto: Tant-maint.
Tettattè: Tête à-tête.
Tignone: Chignon: Chioma.
Visavì: Specchio vis-à-vis.

PAROLE DI ALTRE LINGUE.

Bazzàrro: Bazar.
Astracàne: Astracan, città della Russia.
Setaccio: Spagnolo: Sedazo.
Giannetta: Dal Turco: Ginetta.
Schina: Tedesco: Skina.
Ghèghene: Idem: Deretano.
Snappe: Idem: Acquavite.
Slòffe: Idem: Letto.
Inferlicchese: Idem: Busse.
Vappo: Spagnolo: Guapo.
Maramao: Maramaldo.
Nìcchese: Dal tedesco: No.
Milordo: Dall’inglese.
Milorderia: Idem.
Salamelecche: Salam-alaik.
Tartaifèlle: Dal tedesco: Il diavolo.
Chifeni: Chifel.
Gurde: Dal Tedesco: Gulden, fiorino. Da noi scudo.
Trincà’: Dal tedesco: bere. Trinchesvàine.

MOTTEGGI DI NOMI DI STRADE, PIAZZE, PALAZZI E DI ALCUNE CIBARIE ED ALTRO.

Funtan-te-crèpi: Fontana di Trevi.
Santa Maria nun campi’n’ora: (?)
Piazza Stròzzete: Piazza Strozzi.
Santa Lucia in Sérci (in faccia a la salita): Ci si aggiunge quell’«in faccia» a bella posta.
Piazza Me-ne-frego-tanti: Piazza Manfredo Fanti.
Via dell’Anima (defôra ar caffè cce so’ le ssedie): Quel defóra vuol significare che ti esca l’anima di fuori.
Via de Testa spaccatte: Di Testa spaccata.
Piazza Marco Pépe: invece di Guglielmo Pepe.
Palazzo Tallónghi: Tanlóngo.
Palazzo Stròzzete: Strozzi.
Oro passato p’er Pellegrino: Oro falso.
Ojo svizzero, de Lucérna: Olio da ardere; per ironia.
Vino de Pisciano: Vinaccio.
Vino de le vigne d’Acquacetósa: Vinello acidulo, aspro.
Scarica-tràppole: Cacio pecorino.
Concertino de la pedacchia: Cruyère.
La sora Checca a ppanza per aria: Gallina lessa o arrosto.
Er merluzzo co’ li ggendarmi: Baccalà con le patate.
Le ranocchie co’ la giacca: Fritte all’olio con la pastella.
Le patate in gran tenuta: Lesse con tutta la buccia.
Er salame a spìnte: A spinte: affettato grossolanamente.
Li tre régni de la natura: Minestra di lenti.
Li sordati in galitta: Minestra come sopra.
Li ceci ar trotto: Poco cotti.
La minestra co’ la ritirata: Minestra di lardo.
La minestra cor sartarello: Idem.
La minestra a ttamburo battente: Idem.
Una fraccassata (in de le coste): Una fricassea.
Pollo a la sônatóra: Cantone di pane bruscato con sopra olio ed aglio.
Pollo de galèra: Pane condito con acqua, olio, aceto, sale, con alici od altro pesce.

DI PERSONE.

Esse de casa Strozzi: Fare lo strozzino.
» de Bassanèllo: Di bassa taglia.
» de razza Schiavetti: Come sopra. I piccoli cavalli sono detti Schiavetti.
» o Armà’ Treppigne e ’na tenaja: Essere spilorcio o avaro.
» de casa Tiratèlli: Come sopra.
» de casa Frappija: Pigliar sempre e mai donare.
» Sbafatore: Vivere a lo scrocco, scroccone.
» de razza Costaguti: Dicesi di cavallo o di donna che per la magrezza mostri le coste.

DEI VENDITORI GIROVAGHI.

«Giù-’n-cantina ar fresco!»: Voce del Giuncataio: Giuncatiua fresca.
«L’ammazzo io! l’ammazzo io!»: del Caciaio: La marzolina! ecc.
«L’assel’annà’! L’assel’annà’!»: del Mosciarellaio: Mosciarellà’!