Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

RomaSegreta implementa il servizio di visualizzazione dei video utilizzando la modalità “Privacy Avanzata”. Questo significa che YouTube non installa i cookies preventivamente e non memorizza le informazioni sui visitatori della pagina web, a meno che non si riproduca il video, come riportato dalla guida di YouTube - YouTube Privacy Policy

(di Balzani-Pizzicaria - 1926)

Quanta pena stasera
C'è sur fiume che ffiotta così
Disgrazziato chi sogna e chi spera
Tutti ar monno dovemo soffri'
Si c'è 'n'anima che cerca la pace
Pô trovalla sortanto che qui

Er barcarolo va controcorente
E quanno canta l'eco s'arisente
Si è vvero fiume che tu dai la pace
Fiume affatato fammela trova'

Più d'un mese è passato
Da quer giorno ch'io dissi: "Ninnì...
Quest'amore è ormai tramontato"
Lei rispose: "Lo vedo da me..."
Sospirò, poi me disse: "Addio ammore
Io però nun me scordo de te!"

Je corzi appresso ma nun la trovai
La cerco ancora e nun la trovo mai
Si è vvero fiume che tu dai la pace
Fiume affatato fammela trova'

Proprio sotto ar battello
S'ode 'n grido ed un tonfo più in là
S'ariggira e ce fa' er mulinello
Poi s'affonna e riaffora più 'n là
“Su corete, è 'na donna affogata
Poveraccia penava chissà!?”

La luna da llassù fa' capoccella
Rischiara er viso de Ninetta bella
Me chiese pace e io je l'ho negata
Fiume boiaccia je l'hai data tu!