Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

RomaSegreta implementa il servizio di visualizzazione dei video utilizzando la modalità “Privacy Avanzata”. Questo significa che YouTube non installa i cookies preventivamente e non memorizza le informazioni sui visitatori della pagina web, a meno che non si riproduca il video, come riportato dalla guida di YouTube - YouTube Privacy Policy

(Sonetto – una delle canzoni romane più antiche - XIII secolo)

Bella quanno te fece mamma tua
Pare che stiede 'n anno a ginocchione
Eppoi se mise l'angeli a pregane
Bella t'avesse fatto com'er sole
Poi te mannò da Cupido a imparane
E l'imparassi li versi d'amore
E quanno cominciassi a compitane
Venissi o bella e m'arubbassi er core

Bella fatte chiama' che bella sei
Tutto 'sto monno innammorato l'hai
Faressi innammora' ppure li ddei
Pe' queste gran bellezze che ttu c'hai
Quanno nascessi tu nasceva er sole
La luna se fermò de camminane
Le stelle se cambiorno de colore
Quanno nascessi tu nacque l'amore

Sette bellezze c'ha d'ave' ‘na donna
Prima che bella se possi chiamane
Arta dev'esse senza la pianella
E bianca e rossa senza l'allisciane
La bocca piccolina e l'occhi belli
Graziosetta dev'esse in der parlane
Larga de spalle e stretta de cintura
Quella è ‘na donna bella pe' natura
Larga de spalle stretta in cinturella
Quella se pô chiama' ‘na donna bella