Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

RomaSegreta implementa il servizio di visualizzazione dei video utilizzando la modalità “Privacy Avanzata”. Questo significa che YouTube non installa i cookies preventivamente e non memorizza le informazioni sui visitatori della pagina web, a meno che non si riproduca il video, come riportato dalla guida di YouTube - YouTube Privacy Policy

(di Micheli-Rossi del 1928)

Se rincontramo tra 'sta confusione
Adesso che so' uscito da le pene
So' stato dentro e tu sei la raggione
Adesso n'è er momento de fa' scene

Ma quanno sfilerà la processione
Tu m'hai da di' si ancora me vôi bene
Tu m'hai da di' si sei la stessa quanno
Te sospiravo cantanno ccosì

Fior de limone
So' tutte belle le trasteverine
Ma Nina è la più bella dell'urione
Perché ne le pupille sue turchine
Nun ce vedrò l'inganno
Nun ce vedrò finzione

Sei diventata pallida, ho capito
Allora è vero quello che ho saputo
A scema, perché tremi si arzo 'n dito?
Lo vedi? Passa Cristo e lo saluto
Ma quer povero cristo che hai tradito
Er core tuo che inganna resta muto
E te se côce chi te vede assieme
Co' quello che te preme più de me

Fior de limone
Chi mai sarà ‘sto giovane per bene?
Un popolano oppure 'n gran signore?
Co' tte che me fai vive tra le pene
L'agguanto e lo trascino
Lo porto in processione

Me te 'nginocchi: a chi fai ‘ste preghiere?
… Vie' la Madonna… e cambio de colore
Me casca l'arma e come 'n incensiere
E sento in petto sollevasse er core

Va' via, va', sparisci, fa' er piacere
Io do' la spalla in cambio ar portatore
Cor core alleggerito da ‘na donna
Io porto la Madonna co' me

Fior de limone
Pregate insieme a me gente cristiane
Che l'ho sfuggito er male e l'occasione
Sônate a stesa tutte le campane
Me benedice mamma
Che veglia dar cantone