Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

RomaSegreta implementa il servizio di visualizzazione dei video utilizzando la modalità “Privacy Avanzata”. Questo significa che YouTube non installa i cookies preventivamente e non memorizza le informazioni sui visitatori della pagina web, a meno che non si riproduca il video, come riportato dalla guida di YouTube - YouTube Privacy Policy

Lungotevere
Banchina all'ombra e sotto ar sole d'oro
Li pupi allegri giocheno
Co l'antri farfalletti come loro
E in mezzo a tanta gente
Signore scicche e balie campagnole
'Na semprice minente
Soride a 'n pupo bello com'er sole
Arissomija a 'n angelo che j'è volato in cielo
E se lo strigne pallida
Sur cor suo de gelo...

Brilla in cielo 'na stella lucente
È felice laggiù la minente
Ma 'na signora spezza quell'incanto
Se chiama er pupo e lo rivole accanto
E je dice "Tesoro de mamma
Nun poi capi' chi è degno o no dde te
La gente bassa tiettela lontana
Lo sai quella chi è...'na popolana".

Lungotevere
Er fiume è grosso e fischia la corente
Li pupi allegri giocheno
È aritornata ancora la minente
E invidia a quella mamma
Che c'ha 'n tesoro e che l'ha maledetta
Mentre succede er dramma
Er pupo ha scivolato la scaletta
“Signore mio sarvatelo!”
Ma 'n'anima romana
Scavarca er Lungotevere
Chi è? 'Na popolana.

Brilla in cielo 'na stella lucente
L'ha sarvata laggiù la minente
E in mezzo ar fiume strilla ar barcarolo
"Pijate prima er pupo, er pupo solo"
Ma la strozza però la fiumana
Sparisce, torna a galla e poi nun più
Solo 'no scialle nero s'allontana
Sopra la bara de 'na popolana.

Lungotevere
s'addorme Roma e sona 'na campana
mamma soride a 'n angelo
nissuno piagne pe 'na popolana!