Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

RomaSegreta implementa il servizio di visualizzazione dei video utilizzando la modalità “Privacy Avanzata”. Questo significa che YouTube non installa i cookies preventivamente e non memorizza le informazioni sui visitatori della pagina web, a meno che non si riproduca il video, come riportato dalla guida di YouTube - YouTube Privacy Policy

(di anonimo del XX secolo)

Fatece largo che passamo noi
Sti giovanotti de 'sta Roma bella
Ce so' ragazzi fatti cor pennello
E le ragazze famo 'nnamora'
E le ragazze famo 'nnamora'

Ma che cce frega, ma che cce 'mporta
Si l'oste ar vino c'ha messo l'acqua
E noi je dimo, e noi je famo
"C'hai messo l'acqua, e nun te pagamo!" ma però
Noi semo quelli, che j'arisponnemo 'n coro
"È mejo er vino de li Castelli
Che de 'sta zozza società"

E si per caso vie' er padron de casa
De botto te la chiede la piggione
E noi j'arisponnemo: "A sor fregnone,
T'amo pagato e 'n te pagamo più
T'amo pagato e 'n te pagamo più"

Che cc'arifrega, che cc'arimporta
Si l'oste ar vino c'ha messo l'acqua
E noi je dimo, e noi je famo
"C'hai messo l'acqua, e nun te pagamo!" ma però
Noi semo quelli, che j'arisponnemo 'n coro
"È mejo er vino de li Castelli
Che de 'sta zozza società"

Ce piaceno li polli, l'abbacchi e le galline
Perché so' senza spine
E nun so' come er baccalà
La società de li magnaccioni
La società de la gioventù
A noi ce piace da magna' e bbeve
E nun ce piace de lavora'

Portece 'n'antro litro
Che noi se lo bevemo
E poi j'arisponnemo
"Embè, embè, che c'è?"
E quanno er vino, embè
T'ariva ar gozzo, embè
Ar gargarozzo, embè,
Ce fa 'n ficozzo, embè
Pe' falla corta, pe' falla breve
Mio caro oste portece da beve
Da beve, da beve