Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

RomaSegreta implementa il servizio di visualizzazione dei video utilizzando la modalità “Privacy Avanzata”. Questo significa che YouTube non installa i cookies preventivamente e non memorizza le informazioni sui visitatori della pagina web, a meno che non si riproduca il video, come riportato dalla guida di YouTube - YouTube Privacy Policy

(di Leopardi-Marino - 1901)

'Nde 'sta nottata piena de dorcezza
Pare che nun esisteno dolori
Tira 'n ber venticello ch'è 'na carezza
Smove le fronne e fa' sboccia' li fiori

Nina, si voi dormite
Sognate che ve bbacio
E v'addorcisco er sonno
Cantanno adacio adacio
Er profumo de li fiori che ce confonne
Er canto mio se perde tra le fronne

Nina si co' 'sto canto io v'ho svejato
M'ariccommanno che mme perdonate
L'amore nun se frena, o Nina amata
Perché a fa' l'amore nun è peccato

Nina, si voi dormite,
Sognate che ve bbacio,
E v'addorcisco er sonno
Cantanno adacio, adacio.
Er profumo de li fiori che ce confonne
Er canto mio se perde tra le fronne