Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

RomaSegreta implementa il servizio di visualizzazione dei video utilizzando la modalità “Privacy Avanzata”. Questo significa che YouTube non installa i cookies preventivamente e non memorizza le informazioni sui visitatori della pagina web, a meno che non si riproduca il video, come riportato dalla guida di YouTube - YouTube Privacy Policy

(di Fagiolo-Lay - 1927)

C'hanno forse tutt'e due la stessa età
Je fiorisce dentr'ar core 'n'illusione
E ‘gni vicolo anniscosto ce la sa
Tutta quanta la passione
Lui je cerca la boccuccia ch'è un biggiù
E in un bacio je sussura a tu per tu.

Noi c'avremo ‘na loggetta
Cor geranio e le panzè,
Tu sarai la regginetta
Io me 'mpegno a fa' da re
Regneremo in tutt'er monno
E all'erede pensa te
Vojo un pupo, un pupo biondo,
P'anninnallo in braccio a mme.

Va a la guera la più bbella gioventù
‘Gni fanfara s'arisveja e squilla ardita
E lui pure canta alegro e va lassù
Lei c'ha in seno 'n'antra vita
Ma si pensa ar pupo bello che verà
Se l'insoggna e ce se mette a raggiona'.

Quanno arivi pupo bello
Mamma tua te fa trova'
L'abbituccio turchinello
Tutto pieno de volà
Mentre un passero cinguetta
Er geranio fiorirà
Aspettanno alla loggetta
Er ritorno de papà.

Mamma cuce, er pupo compita “papà”
È guidato da quer trillo vie' un zordato
A tastoni, come 'n cieco, chi sarà?
È papà, ch'è aritornato!
Se confonneno in un bacio tutt'e tre
Poi papà se strigne er pupo e vô sape'.

Pupo, c'hai er visetto tondo
la boccuccia ch'è un biggiù
Come sei, moretto o biondo,
C'hai l'occhioni neri o blu?
Te lo chiedo 'n'antra vorta
Pupo mio, dimmelo tu
Perché mamma nun s'è accorta
Che papà nun vede più.