Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

RomaSegreta implementa il servizio di visualizzazione dei video utilizzando la modalità “Privacy Avanzata”. Questo significa che YouTube non installa i cookies preventivamente e non memorizza le informazioni sui visitatori della pagina web, a meno che non si riproduca il video, come riportato dalla guida di YouTube - YouTube Privacy Policy

(di Libianchi-Granozio - 1947)

Che belli tempi quanno pe' l'urione
Sentivi ancora er sôno de 'n pianino
Accordi de chitara e mandolino
E Nina s'affacciava dar barcone
Era un motivo semprice
C'ariscallava l'anima
De Roma nostra piena de bontà

Nannare'!
Perché, perché te se' ‘nnammorata
De ‘sta musica ammericana?
Ma perché te sei scordata che sei romana
Li stornelli nun canti più?
For de porta 'n carozzella
A balla' la tarantella
Nannarella, nun vienghi più
Co' li fiori a la loggetta co' la spiga e la rughetta
Nannarella, nun ce sei più…
C'era 'na vorta tutto quer che c'era
Povera Roma nostra furastiera!

A chi la famo ormai la serenata,
Vecchia chitara amica de ‘sto core?
Er canto de ‘sto popolo tenore
È ‘n armonia de favola passata
Oggi le "baby" canteno
Tutte canzoni a ritmo
E Nina mo' la chiameno "Nelly"

Nannarè!
Perché, perché te se' ‘nnammorata
De ‘sta musica ammericana?
Ma perché te sei scordata che sei romana
Li stornelli nun canti più?
For de porta 'n carozzella
A balla' la tarantella
Nannarella, nun vienghi più
E li fiori a la loggetta co' la spiga e la rughetta
Nannarella, nun ce so' più
C'era 'na vorta tutto quer che c'era
Povera Roma nostra furastiera!