Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

RomaSegreta implementa il servizio di visualizzazione dei video utilizzando la modalità “Privacy Avanzata”. Questo significa che YouTube non installa i cookies preventivamente e non memorizza le informazioni sui visitatori della pagina web, a meno che non si riproduca il video, come riportato dalla guida di YouTube - YouTube Privacy Policy

(di Petrolini-Simeoni - 1932)

È una canzona senza titolo
Tanto pe' canta'
Pe' fa quarche cosa
Nun è gnente de straordinario
È robba der paese nostro
Che se po' canta' pure senza voce
Basta 'a salute
Quanno c'è 'a salute c'è tutto
Basta 'a salute e 'n par de scarpe nôve
Pôi girà tutto er monno
e m'accompagno da me...

Pe' fa' la vita meno amara
Me so' comprato 'sta chitara
E quanno er sole scenne e môre
Me sento un core cantatore
La voce è poca ma intonata
Nun serve a fa' 'na serenata
Ma solamente a fa' in maniera
De famme un sogno a prima sera.

Tanto pe' canta'
Perchè me sento un friccico ner core
Tanto pe' sogna'
Perche' ner petto me ce naschi un fiore
Fiore de lillà
Che m'ariporti verso er primo amore
Che sospirava le canzone mie
E m'arintontoniva de bucie.

Canzone belle e appassionate
Che Roma mia m'aricordate
Cantate solo pe' dispetto
Ma co' 'na smania drent'ar petto
Io nun ve canto a voce piena
Ma tutta l'anima è serena
E quanno er cielo se scolora
De me nessuna se 'nnamora.

Tanto pe' canta'
Perchè me sento un friccico ner core
Tanto pe' sogna'
Perche' ner petto me ce naschi un fiore
Fiore de lillà
Che m'ariporti verso er primo amore
Che sospirava le canzone mie
E m'arintontoniva de bucie.