Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

RomaSegreta implementa il servizio di visualizzazione dei video utilizzando la modalità “Privacy Avanzata”. Questo significa che YouTube non installa i cookies preventivamente e non memorizza le informazioni sui visitatori della pagina web, a meno che non si riproduca il video, come riportato dalla guida di YouTube - YouTube Privacy Policy

(di Del Pelo-De Torres-Simeoni - 1934)

Oggi er modernismo
Der novecentismo
Rinnovanno tutto va
E le usanze antiche e semplici
So' ricordi che sparischeno
E tu Roma mia
Senza nostalgia
Segui la modernità
Fai la progressista
L'universalista,
Dici "occhei", "ai lovv", "tench iù", "jàjà"

Vecchia Roma sotto la luna nun canti più
Li stornelli e le serenate de gioventù
Er progresso t'ha fatto grande ma 'sta città
Nun è quella 'ndo se viveva tant'anni fa
Più nun vanno l'innammorati pe' Lungotevere
A rubbasse li bbaci a mille là sotto l'arberi
E li sogni sfojiati all'ombra d'un cielo blu
So' ricordi d'un tempo bello che nun c'è più

Oggi le maschiette
Co' le polacchette
Certo nun le vedi più
L'abbiti scollati porteno
Controluce trasparischeno
Senza complimenti
Nei caffè le senti
De politica parla'
Vanno a 'gni commizio
Chiedeno er divorzio
Mentre a casa se sta' a diggiuna'

Vecchia Roma sotto la luna nun canti più
Li stornelli e le serenate de gioventù
Er progresso t'ha fatto grande ma 'sta città
Nun è quella 'ndo se viveva tant'anni fa
Più nun vanno l'innammorati pe' Lungotevere
A rubbasse li bbaci a mille là sotto l'arberi
E li sogni sfojiati all'ombra d'un cielo blu
So' ricordi d'un tempo bello che nun c'è più
So' ricordi d'un tempo bello che nun c'è più