Questo sito utilizza soltanto cookies tecnici che non necessitano di consenso. Non raccogliamo altri dati personali sulla vostra navigazione. Se volete saperne di più andate alla pagina Cookie Policy

Vicolo de' Chiodaroli collega via del Monte della Farina a via dei Chiavari ed il toponimo deriva dai fabbricanti e venditori di chiodi che qui abitavano e gestivano l'attività. I chiodaroli facevano parte della Confraternita dei Ferrari, istituita da Gregorio XVI il 13 maggio 1836, che, come recita lo Statuto, "doveva essere composta delle sole persone che a tal classe appartengono, la qual classe, ad evitare qualsivoglia questione, fino dagli Statuti della nostra Università nel 1690 fu dichiarato esser composta di tredici corpi d'arti, cioè: 1.Manescalchi, 2.Morsari, 3.Armaroli, cioè Lanciari, Spadari, Coltellinari ed Archibugieri, 4.Calderari, 5.Artegrossa, cioè Ferravecchi, Staderari, Ferracocchi, Artefici d'istrumenti d'agricoltura, artefici e proprietari di Ferriere, 6.Chiavari, 7.Ottonari e fonditori di metalli, 8.Orologiari da torre e macchinisti, 9.Chiodaroli, 10.Stagnari, Lanternari e tutti quelli che lavorano stagno, piombo, ferro stagnato e latta, 11.Arrotatori e Prestaferri, 12.Carbonari, 13.Prestacavalli, carrozzieri, domatori e cozzoni de' cavalli. Non potrà dunque ammettersi chi non appartiene alle indicate arti e non avrà almeno l'età di sedici anni".

1 Lapide sulla casa natale di Romolo Balzani


Al civico 8 della via, dove oggi è situato l'Hotel Smeraldo, si trova la casa dove il 4 aprile 1892 vi nacque il famoso autore di canzoni romane Romolo Balzani: una lapide (nella foto 1) lo ricorda come autore ed interprete di melodie immortali come "L'eco der core" e "Barcarolo Romano". Al civico 11 notare un bel portone con rosta (ossia l'inferriata a forma di ventaglio con cui si chiude l'apertura ad arco del portone) e giglio.